alaska piogge

L’Alaska sta diventando sempre più bagnata. Un nuovo studio spiega cosa significhi per il permafrost e le conseguenze per il clima globale della Terra. Lo studio, pubblicato sulla rivista Climate and Atmospher Science del Nature Publishing Group, è il primo a confrontare il modo in cui le precipitazioni influenzano il disgelo del permafrost nel tempo, nello spazio e in una varietà di ecosistemi.

Mostra che l’aumento delle precipitazioni estive sta degradando il permafrost in tutto lo stato. L’Alaska sta vivendo i cinque anni più piovosi nei suoi record meteorologici centenari. Il clima estremo è guidato da un aspetto del cambiamento climatico chiamato amplificazione dell’Artico.

 

 

Alaska, le piogge accellerano il cambiamento climatico

Mentre la terra si riscalda, le temperature nell’Artico aumentano più velocemente della media globale. Sebbene le basi fisiche dell’amplificazione dell’Artico siano ben comprese, è meno noto come influenzerà il permafrost che sta alla base di circa un quarto dell’emisfero settentrionale, compresa la maggior parte dell’Alaska.

Il permafrost blocca circa il doppio del carbonio che è attualmente nell’atmosfera in un deposito a lungo termine e supporta le infrastrutture del Nord come strade ed edifici; quindi capire come un clima che cambia influirà su di esso è cruciale sia per le persone che vivono nell’Artico che per quelle alle latitudini più basse.

Nel corso di cinque anni, il team di ricerca ha effettuato 2750 misurazioni di quanto il permafrost superficiale della terra si era scongelato entro la fine dell’estate in una vasta gamma di ambienti vicino a Fairbanks, in Alaska. Il periodo di cinque anni comprendeva due estati con precipitazioni medie, una leggermente più secca del solito e le estati più alte e terze più umide mai registrate. Le differenze nelle precipitazioni annuali sono state chiaramente impresse nella quantità di disgelo del permafrost.

Più precipitazioni hanno portato a un disgelo più profondo in tutti i siti. Dopo l’estate più piovosa del 2014, il permafrost non è tornato ai livelli precedenti anche dopo che le estati successive sono state più secche. Le zone umide e i siti disturbati, come incroci e radure, hanno mostrato il maggior disgelo.

Alaska tsunami

Il disgelo può avvenire tra pochi decenni

La tundra di Tussock, con i suoi terreni profondi e la copertura di erbe trapuntate, è stata trovata per fornire la protezione più ecosistemica del permafrost. Mentre il permafrost era congelato più vicino alla superficie nella tundra di tussock, ha registrato il più grande aumento relativo della profondità del disgelo in risposta alle piogge, probabilmente perché l’acqua poteva accumularsi sulla superficie piana.

Le foreste, in particolare le foreste di abeti rossi, con spessi strati di muschio di sfagno, erano le più resistenti al disgelo del permafrost. Lo studio dimostra come i tipi di copertura del suolo governano le relazioni tra le piogge estive e il disgelo del permafrost. Man mano che l’Alaska diventa più calda e umida, si prevede che la copertura vegetale cambi e gli incendi boschivi disturberanno ampie aree del paesaggio. Tali condizioni possono portare a un circuito di feedback tra più disgelo permafrost ed estati più umide.

Questo studio si aggiunge al crescente corpus di conoscenze su come il clima estremo può interrompere gli aspetti fondamentali degli ecosistemi artici. Questi cambiamenti non si stanno verificando gradualmente nel corso di decenni o vite; potrebbero avvenire in pochi mesi o anni.