terremoti-matematica

Un team di ricercatori del Lyell Centre di Edimburgo ha trovato il modo di utilizzare le formule matematiche per aiutare a prevedere la probabilità di un terremoto. Gli autori dello studio hanno tradotto il movimento di un tipo specifico di roccia in equazioni matematiche, portando alla creazione della formula predittiva.

Sapere quando e dove sta per aver luogo un terremoto sarebbe un vantaggio, ma gli scienziati non sono riusciti a trovare un modo per prevedere questi fenomeni geologici. Ora, la matematica si presenta come una possibile soluzione a questo puzzle.

 

Come prevedere i terremoti

Gli scienziati ritengono che ogni tipo di roccia abbia un ruolo cruciale nei terremoti. La forza di attrito, che può essere calcolata, è un fattore importante nella sovrapposizione di rocce che porta al terremoto.

Per eseguire questi calcoli, gli scienziati hanno creato equazioni che descrivono il comportamento di tali rocce sottoterra. Quindi, hanno preso in considerazione altre variabili, come i livelli di umidità, il movimento dei guasti e la velocità con cui il suolo può muoversi nelle aree di faglia. I risultati dello studio sono stati pubblicati la scorsa settimana sulla rivista scientifica Journal of Geophysical Research.

Attraverso queste equazioni, i ricercatori hanno sviluppato una formula con la quale ritengono di poter prevedere quando un terremoto può verificarsi in un determinato luogo. Tuttavia, gli autori sottolineano che questa formula è ancora in fase di sviluppo, quindi sono ancora necessarie ulteriori ricerche fino a raggiungere un risultato finale.

È anche noto che, in tutto il mondo, la comparsa di grandi terremoti superficiali sembra seguire uno schema matematico, noto come “Scala del diavolo“. Secondo questo modello matematico, i gruppi di eventi sismici sono separati da lunghi, ma irregolari, intervalli di silenzio sismico.