Chernobyl fungo radiazioni

Un esperimento condotto a bordo della Stazione Spaziale Internazionale dimostra il potenziale per un fungo resistente alle radiazioni cosmiche. Questo fungo ha già dimostrato il suo coraggio in uno dei luoghi più ostili della Terra: la centrale nucleare in rovina di Chernobyl.

La radiazione cosmica galattica rimane un ostacolo preoccupante per una presenza umana sostenuta nello spazio. Questo problema irrisolto sta iniziando a diventare un po ‘urgente, con lo sbarco della NASA Artemis Moon previsto per il 2024, insieme alle promesse di missioni con equipaggio su Marte e alla creazione di colonie marziane.

 

Chernobyl, un fungo resistente alle radiazioni

Un giro di 360 giorni intorno il pianeta rosso, per esempio, sarebbe esporre gli astronauti non protetti a due terzi delle radiazioni cosmiche, rendendoli vulnerabili a numerosi rischi per la salute. Tuttavia, come sottolinea una nuova ricerca caricata sulla bioRxiv, potrebbe già esistere una soluzione pronta sotto forma di un fungo estremofilo noto come Cladosporium sphaerospermum.

Gli scienziati hanno scoperto per la prima volta questo organismo nel 1886, ed è stato trovato in crescita in ambienti radioattivi; tra cui le piscine di raffreddamento della centrale nucleare di Chernobyl danneggiata, dove i livelli di radiazione sono da tre a cinque ordini di grandezza superiori ai normali livelli di fondo.

Il C. sphaerospermum è un fungo melanizzato e radiotrofico, un organismo in grado di convertire l’energia radioattiva in energia chimica, che utilizza i pigmenti di melanina all’interno delle sue pareti cellulari. Sembra strano, ma è analogo alla fotosintesi, in cui le piante convertono l’energia dalla luce visibile in energia utile.

La melanina può anche essere il modo in cui il fungo si protegge dagli effetti dannosi delle radiazioni che probabilmente è andato al fungo a trovare habitat ideali in ambienti radioattivi. I ricercatori hanno concepito un esperimento per determinare la quantità di radiazioni che questo organismo potrebbe assorbire.

fungo

L’esperimento dimostra l’adattarsi alla microgravità

Hanno anche cercato di valutarne l’idoneità come mezzo per uno schermo anti-radiazioni. La sede scelta per questo esperimento è stata la Stazione Spaziale Internazionale, che presenta un ambiente unico di radiazione non dissimile dalla superficie di Marte. Per eseguire il test, una capsula di Petri è stata divisa a metà, con un lato il fungo e un lato vuoto che funge da controllo negativo. I funghi sono stati lasciati crescere per 30 giorni, mentre i livelli di radiazione sono stati monitorati ogni 110 secondi con un contatore Geiger.

I risultati hanno mostrato che i funghi erano in grado di adattarsi all’ambiente di microgravità e di vivere lontano dalle radiazioni in arrivo. Come ulteriore vantaggio, il fungo è un substrato autosufficiente e autoreplicativo in grado di sopravvivere anche alle più piccole dosi di radiazioni e biomassa. Può anche essere coltivato su molte diverse fonti di carbonio , come i rifiuti organici. Ciò riduce significativamente la quantità di materiale di protezione che si dovrebbe portare su Marte.

Averesch ha affermato che nessuna singola soluzione probabilmente risolverà il problema della radiazione spaziale, ma il fungo potrebbe essere un’ottima soluzione. Se questa funzionasse davvero, i futuri esploratori dello spazio sarebbero saggi nel riconoscere i loro compagni fungini. C’è qualcosa di stranamente rassicurante in questo.