vita-extraterrestre

Alcuni astronomi si stanno rivolgendo alle statistiche bayesiane per scoprire la probabilità della presenza di vita extraterrestre nella Via Lattea. Questi scienziati si concentrano su due incognite: la probabilità che la vita appaia su pianeti simili alla Terra e, da lì, la probabilità dell’intelligenza che si evolve.

L’equazione di Drake, ad esempio, è un argomento probabilistico utilizzato per stimare il numero di civiltà extraterrestri attive nella Via Lattea con le quali potremmo avere la possibilità di stabilire una comunicazione. Questa equazione può anche essere usata per prevedere l’esistenza della vita intelligente nella nostra galassia.

Sebbene ci sia un’enorme quantità di spazio per far prosperare la vita, “una delle maggiori incertezze nell’intera catena di fattori è la probabilità che inizi la vita“, spiega Ed Turner, un astrofisico dell’Università di Princeton.

vita-extraterrestre

Forme di vita intelligenti su altri pianeti

A maggio, un team di ricercatori dell’Università di Nottingham ha stimato che ci devono essere 36 civiltà intelligenti che comunicano attivamente nella nostra galassia. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Astrophysical Journal.

Utilizzando il presupposto che forme di vita intelligenti possano esistere su altri pianeti in modo simile alla Terra, i ricercatori hanno ottenuto una stima del numero di civiltà comunicanti intelligenti nella Via Lattea. “Dovrebbero esserci almeno una dozzina di civiltà attive nella nostra galassia, supponendo che occorrano cinque miliardi di anni affinché la vita intelligente si formi su altri pianeti, come sulla Terra“, ha affermato Christopher Conselice, professore di astrofisica all’Università di Nottingham. “L’idea è guardare l’evoluzione, ma su scala cosmica. Chiamiamo questo calcolo il limite astrobiologico copernicano”.

Tuttavia, non tutti sono d’accordo con queste affermazioni audaci. “Questo è solo un presupposto molto specifico e forte“, afferma l’astronomo David Kipping. “Non vedo prove che questa sia una scommessa sicura da fare“.

Nell’ipotesi proposta da Conselice, si può anche verificare il cosiddetto bias di selezione. Lo scienziato americano fornisce l’esempio dell’acquisto dei biglietti della lotteria e della vincita del jackpot al centesimo tentativo. Pensiamo che, quindi, la probabilità di vincere il jackpot sia dell’1%. Tuttavia, questa conclusione è sbagliata, poiché stiamo ignorando le decine di milioni di persone che hanno acquistato i biglietti ma non hanno mai vinto alla lotteria.

Questo si verifica quando arrivano le statistiche bayesiane. Il teorema di Bayes descrive la probabilità di un evento, basato su una conoscenza a priori che potrebbe essere correlata ad esso. Nel caso dell’abiogenesi, l’ipotesi che ammette la formazione di esseri viventi dalla materia non vivente, la probabilità calcolata è quella della vita su un pianeta simile alla Terra, tenendo conto che questo fenomeno potrebbe essersi verificato tra i 100 milioni e i 300 milioni di anni fa.

Nel 2012, Turner e David Spiegel sono stati i primi ad applicare rigorosamente l’analisi bayesiana all’abiogenesi. Lo sforzo di Turner e Spiegel è stato “il primo attacco bayesiano davvero grave a questo problema“, afferma Kipping. “Penso che ad essere stato interessante sia stato il fatto che abbiano rotto quell’interpretazione ingenua e standard della prima apparizione della vita“.

Sulla base di questo, Kipping ha fatto i suoi calcoli e focalizzato la sua attenzione su quattro possibilità: la vita è comune e l’intelligenza è comune; la vita è comune e l’intelligenza è rara; la vita è rara e l’intelligenza è comune; e, infine, la vita è rara e l’intelligenza è rara.

Lo scienziato ha scoperto, ad esempio, che lo scenario “la vita è comune e l’intelligenza è rara” è nove volte più probabile di “la vita è rara e l’intelligenza è rara“. E anche se l’intelligenza non è rara, gli scenari in cui la vita è comune hanno solo il 10% di probabilità. Tuttavia, questo calcolo è “un segno positivo che la vita dovrebbe essere là fuori“, dice Kipping. “È almeno un suggerimento che la vita non è un processo difficile“.