previsioni-meteo

Il numero di viaggi nel mondo è diminuito drasticamente a causa della pandemia, facendo una “vittima” inaspettata: le previsioni del tempo. Da quando la pandemia di Covid-19 ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo, milioni di persone sono state costrette a confinare o ridurre i loro contatti personali per evitare di contrarre o diffondere la malattia, nata lo scorso dicembre in Cina.

Viaggiare è diventata un’attività non essenziale. Per questo motivo, migliaia di voli e rotte percorse abitualmente dalle navi e dagli aerei sono stati tagliati su scala globale e ci sono persino compagnie che hanno sospeso tutta la loro attività per alcune settimane.

In questo effetto domino, anche le previsioni meteorologiche e l’agricoltura stessa sono state colpite, conseguenze meno ovvie della pandemia. Questo perché, in tempi normali, molte delle migliaia di aerei e navi che attraversano il pianeta per trasportare persone e/o merci sono dotate di strumenti sensibili in grado di raccogliere una serie di informazioni di valore scientifico sull’ambiente.

 

I viaggi che influenzano le previsioni

La temperatura dell’aria e degli oceani, la velocità del vento e l’umidità dell’aria sono alcuni dei parametri che questi mezzi di trasporto normalmente aiutano a raccogliere e che vengono successivamente utilizzati dagli scienziati per realizzare previsioni meteorologiche e proiezioni climatiche in tutto il mondo. Di fronte al forte calo dei viaggi nel mondo, gli esperti sono preoccupati, sostenendo che la diminuzione del numero di viaggi sta influenzando le loro previsioni.

Uno studio scientifico, recentemente pubblicato sulla rivista scientifica specializzata Geophysical Research Letters, suggerisce che il declino mondiale dei voli ha avuto un prezzo: le previsioni del tempo sono diventate meno accurate e il viaggio è stato un fattore importante.

L’autore principale dello studio, Ying Chen, dell’Università di Lancaster, nel Regno Unito, sostiene che non c’è solo l’inconveniente di avere previsioni meno accurate. Molti agricoltori, ad esempio, dipendono da queste stesse previsioni per proteggere le loro colture. Allo stesso modo, ci sono diverse società di servizi che stimano la quantità di energia che verrà consumata in un determinato giorno in base alle previsioni di temperatura. In un’ondata di caldo, la domanda di elettricità tende ad aumentare man mano che le persone usano i loro condizionatori d’aria.

Se le aziende non sono in grado di bilanciare accuratamente l’energia generata rispetto all’energia consumata, questa situazione “può influire sulla stabilità della rete elettrica“, ha esemplificato lo scienziato dell’Università britannica.

Lo stesso sembra essere stato registrato in mare: una recente indagine del Global Ocean Observing System, un’iniziativa delle Nazioni Unite per il monitoraggio degli oceani, suggerisce che diversi programmi di osservazione degli oceani sono stati colpiti durante la pandemia.