homo-erectus

I ricercatori del Museo di Storia naturale di Londra hanno scoperto prove del fatto che l’Homo erectus non era così snello come si pensava in precedenza; in realtà, aveva un “torace ampio e profondo” come i Neanderthal. Secondo la nuova ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati questa settimana sulla rivista scientifica specializzata Nature Ecology and Evolution, questo antenato primitivo dell’Uomo era compatto, robusto e massiccio.

Questo studio cambia molto quel che la comunità scientifica pensava di sapere sull’Homo erectus, così chiamato anche per la sua capacità di percorrere grandi distanze. Gli scienziati ritengono che questo ominide avesse una statura più sottile che gli permettesse di percorrere lunghe distanze. Ora, il nuovo studio sottolinea che il suo corpo era più robusto di quanto si pensasse in precedenza, sottolineando comunque che questo antenato poteva essere un buon corridore.

 

Lo studio

Per giungere a questa conclusione, gli scienziati hanno prima analizzato i resti dello scheletro di un Homo erectus noto come Turkana Boy. È uno scheletro quasi completo di quasi 1,5 milioni di anni scoperto in Kenya. Utilizzando tecniche avanzate di imaging e ricostruzione, gli scienziati sono stati in grado di studiare il loro torace e capire come respirava questa specie.

Gli scienziati hanno quindi confrontato la forma della gabbia toracica di questo esemplare di Homo erectus con quella degli umani moderni e di un Neanderthal e hanno scoperto che l’Homo erectus aveva una gabbia toracica “ampia e profonda” come i Neanderthal, anziché un torace ampio e piatto come quello dell’uomo moderno.

[I risultati] suggeriscono che l’Homo erectus aveva una struttura corporea più robusta di quanto si supponesse, poiché la forma del corpo di questa specie era vista come qualcosa di snello ed elegante, associato alla sua capacità di percorrere lunghe distanze” , ha spiegato Fred Spoor, autore principale dello studio. Era più simile a “un giocatore di rugby che ad un atleta magro“, ha concluso.