microbi rianimati

Gli scienziati hanno rianimato con successo i microbi che erano rimasti inattivi sul fondo del mare fin dall’età dei dinosauri, permettendo agli organismi di mangiare e anche moltiplicarsi dopo eoni in profondità. La loro ricerca fa luce sul notevole potere di sopravvivenza di alcune delle specie più primitive della Terra, che possono esistere per decine di milioni di anni con a malapena ossigeno o cibo prima di tornare in vita in laboratorio.

Un team guidato dall’Agenzia giapponese per la scienza e la tecnologia marina-terrestre ha analizzato antichi campioni di sedimenti depositati più di 100 milioni di anni fa sul fondo del Pacifico meridionale. La regione è rinomata per avere molti meno nutrienti nei suoi sedimenti rispetto al normale, rendendola un sito tutt’altro che ideale per mantenere la vita per millenni.

Il team ha incubato i campioni per aiutare a convincere i microbi a uscire dal loro sonno epico. Sorprendentemente, sono stati in grado di far rivivere quasi tutti i microrganismi. “Quando li ho trovati, ero inizialmente scettico sul fatto che i risultati fossero dovuti a un errore o a un fallimento nell’esperimento”, ha dichiarato l’autore principale Yuki Morono. “Ora sappiamo che non esiste un limite di età per organismi nella biosfera del fondo sottomarino”, ha detto ad AFP.

microbi rianimati

Una tra le forme di vita più semplici ha una resistenza straordinaria

Il professore alla URI Graduate School of Oceanography e co-autore dello studio Steven D’Hondt ha affermato che i microbi provengono dal più vecchio sedimento perforato dal fondo del mare. “Nei sedimenti più vecchi che abbiamo perforato, con la minima quantità di cibo, ci sono ancora organismi viventi e possono svegliarsi, crescere e moltiplicarsi”, ha riferito.

Morono ha spiegato che le tracce di ossigeno nei sedimenti hanno permesso ai microbi di rimanere in vita per milioni di anni senza consumare praticamente energia. I livelli di energia per i microbi del fondo marino “sono milioni di volte inferiori a quelli dei microbi di superficie”, ha affermato. Tali livelli sarebbero troppo bassi per sostenere i microbi di superficie, e Morono ha detto che era un mistero come gli organismi del fondo marino fossero riusciti a sopravvivere.

Precedenti studi hanno dimostrato come i batteri possano vivere in alcuni dei luoghi meno ospitali della Terra, compresi intorno alle prese d’aria sottomarine prive di ossigeno. Morono ha affermato che la nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Communications, ha dimostrato la straordinaria capacità di resistenza di alcune delle strutture viventi più semplici della Terra. “A differenza di noi, i microbi aumentano la loro popolazione in base alle divisioni, quindi in realtà non hanno il concetto di durata della vita”, ha aggiunto.