Quick Charge 5

Qualcomm ha introdotto Quick Charge 5, l’ultimo standard di ricarica rapida dell’azienda, e sta portando alcune grandi promesse. Più di 100 W di velocità di ricarica su uno smartphone, con la possibilità di caricare un dispositivo dallo 0 al 50 percento in cinque minuti o caricare completamente un telefono in 15 minuti.

E’ compatibile con lo standard power delivery e per funzionare serviranno nuove batterie a doppia cella. Tuttavia fin dalla versione 4 QuickCharge è compatibile con lo standard USB Power Delivery.

Quick Charge 5,

Quick Charge 5, la nuova era di ricarica veloce

Sono passati alcuni anni da quando Qualcomm ha introdotto il suo ultimo importante standard di ricarica rapida , Quick Charge 4, ma la nuova versione rappresenta il salto più grande finora per l’azienda. Qualcomm non ha timore di quanto sia grande questo miglioramento: la società afferma che Quick Charge 5 è fino al 70% più efficiente di Quick Charge 4, fino a 4 volte più veloce nella ricarica, pur mantenendo 10 gradi Celsius più freddo di la vecchia versione.

Quick Charge 5 sta effettivamente sfruttando lo standard di alimentazione programmabile (PD-PPS) di alimentazione USB esistente , che consente un controllo ancora maggiore su livelli di tensione e corrente durante il processo di ricarica. Il vantaggio è che Quick Charge 5 è universale: qualsiasi caricabatterie USB PD-PPS dovrebbe essere in grado di caricare il dispositivo Quick Charge 5 a tutta velocità.

Un altro cambiamento è il fatto che ora supporta i sistemi di batterie 2S per due celle della batteria cablate in serie, il che consente di raddoppiare la tensione di carica. A sua volta, ciò aumenta le velocità di ricarica. È anche retrocompatibile: gli accessori e i dispositivi Quick Charge più vecchi funzioneranno ancora con il nuovo hardware classificato sebbene alla massima velocità che questi caricabatterie possono fornire.

Ciò porta al più grande vantaggio di tutti: Qualcomm è già uno dei maggiori fornitori di processori e modem di tonnellate di aziende usano le sue soluzioni di alimentazione per la facile compatibilità con quei prodotti esistenti, il che significa che inizierà probabilmente a spuntare su tonnellate di telefoni quando i primi dispositivi inizieranno a essere spediti in Q3 2020.