Buddy, il primo cane positivo al Covid-19 negli USA, è morto

Diverse settimane fa Buddy, il primo cane statunitense ad essere risultato positivo al nuovo coronavirus Covid-19, è morto

buddy

Buddy era un pastore tedesco di una famiglia statunitense, che amava giocare, correre nel giardino, stare con i propri padroni. Lo scorso Aprile, proprio appena compiuti i 7 anni di vita, ha iniziato ad avere difficoltà nel respirare. Sei settimane dopo, divenne il primo cane negli Stati Uniti ad essere confermato positivo per SARS-CoV-2, il coronavirus che causa COVID-19. L’11 luglio Buddy è morto, diventando il primo animale morto a causa di questa terribile pandemia che sta sconvolgendo tutto il mondo.

 

Buddy, il cane infetto dal Covid-19

Le cartelle cliniche fornite dai Mahoneys, la famiglia del cane, e riviste per il National Geographic da due veterinari che non erano coinvolti nel suo trattamento indicano che Buddy probabilmente aveva un linfoma, un tipo di cancro, che spiegherebbe i sintomi che ha subito prima della sua morte. I Mahoneys non hanno appreso che il linfoma era considerato la probabile causa dei suoi sintomi fino al giorno della sua morte, dicono, quando ulteriori risultati di analisi del sangue lo hanno confermato. Non è chiaro se il cancro lo abbia reso più suscettibile alla contrazione del coronavirus, o se il virus lo abbia reso malato, o se fosse solo un caso di tempismo coincidente. La famiglia di Buddy, come migliaia di famiglie alle prese con gli effetti del coronavirus in tutto il mondo, ha molte domande e poche risposte.

“Dici alle persone che il tuo cane è stato positivo e ti guardano [come se avessi] dieci teste”, dice Allison Mahoney. “[Buddy] è stato l’amore della nostra vita … Ha portato gioia a tutti. Non posso avvolgerci la testa.” I Mahoneys affermano di essere frustrati dal fatto che gli esperti di salute non abbiano esaminato più da vicino le possibili connessioni tra COVID-19 e i problemi di salute già pre-esistenti. Purtroppo c’è ancora molto da scoprire e nascosto di questo terribile virus.