covid cuore

Nuovi studi dalla Germania hanno rivelato un’infiammazione al cuore nei pazienti con coronavirus recuperati e la presenza di virus nel cuore di coloro che sono morti a causa della malattia. Entrambi gli studi hanno richiesto ulteriori indagini sulle conseguenze cardiache a lungo termine di Covid-19.

Lo studio ha coinvolto 100 pazienti malati di Covid-19. L’imaging a risonanza magnetica cardiaca (CMR) ha rivelato il coinvolgimento cardiaco in 78 pazienti e l’infiammazione del muscolo cardiaco in 60 pazienti, indipendentemente dalle condizioni preesistenti.

I pazienti sono stati identificati dal Registro Covid-19 dell’ospedale universitario di Francoforte da aprile a giugno. I ricercatori hanno affermato che 33 pazienti erano gravemente malati e avevano bisogno di essere ricoverati in ospedale, mentre due dei pazienti sono stati sottoposti a ventilazione meccanica.

Livelli rilevabili di troponina, un tipo di proteina presente nei muscoli del cuore, sono stati trovati in 71 pazienti e livelli elevati (che indicano un danno cardiaco) sono stati trovati in cinque pazienti. Le biopsie del tessuto muscolare del cuore in pazienti con “risultati gravi” hanno mostrato un’infiammazione attiva.

covid cuore

Covid-19, infezioni al cuore identificate anche tra i morti a causa della malattia

In un secondo studio che ha coinvolto autopsie di 39 casi Covid-19, i ricercatori hanno scoperto una presenza di infezione virale nel miocardio o nello strato muscolare medio del cuore, in 24 pazienti.

I pazienti deceduti sono stati sottoposti ad autopsia presso l’Istituto di medicina legale presso l’University Medical Center Hamburg-Eppendorf dall’8 al 18 aprile. L’età media dei pazienti era di 85 anni e la polmonite era elencata come causa di morte per il 90% di loro.

Gli autori dello studio hanno affermato che i dati attuali mostrano che la presenza di SARS-CoV-2 nel tessuto cardiaco non causa necessariamente una reazione infiammatoria coerente con miocardite clinica (un’infiammazione del muscolo cardiaco).