nasa uragano iss spacex

I primi astronauti statunitensi che hanno raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) su un veicolo spaziale americano in quasi un decennio potrebbero non tornare a casa questo fine settimana a causa dell’uragano Isaias, ha riferito la NASA. Bob Behnken e Doug Hurley sono partiti da Cape Canaveral il 30 maggio a bordo di una navicella Crew Dragon di SpaceX e domenica pomeriggio sarebbero dovuti atterrare al largo della costa della Florida.

Per ora, lo sganciamento rimane programmato per le 19:34 circa (23:34 GMT) di sabato, e lo splashdown alle 14:42 (18:42 GMT) di domenica. La NASA ha riferito che stava tenendo d’occhio l’uragano Isaias – una tempesta di categoria uno che ha colpito le Bahamas e si stava muovendo verso la Florida – e che avrebbe fatto un’ultima chiamata circa sei ore prima di sganciarsi. I potenziali siti di abbattimento si trovano nel Golfo del Messico e lungo la costa atlantica della Florida.

nasa uragano iss spacex

Una missione da 7 miliardi di dollari

La missione ha segnato la prima volta che un’astronave con equipaggio è stata lanciata in orbita dal suolo americano dal 2011, quando è terminato il programma Space Shuttle. È stata anche la prima volta che una compagnia privata è volata sulla ISS con a bordo astronauti. Gli Stati Uniti hanno pagato SpaceX e il colosso aerospaziale Boeing per un totale di circa $ 7 miliardi per i loro contratti di “taxi spaziale”.

Ma il programma di Boeing è fallito dopo un test non andato a buon fine lo scorso anno, che ha lasciato SpaceX, una società fondata solo nel 2002, in quanto leader assoluto. Negli ultimi nove anni, gli astronauti americani hanno viaggiato esclusivamente su razzi russi Soyuz, al prezzo di circa $ 80 milioni per posto. I membri dell’equipaggio hanno aggiunto che non vedevano l’ora di tornare a casa dopo due mesi se il viaggio di ritorno andasse in porto come previsto. “Mio figlio ha sei anni e posso dire dai video che ottengo e dal parlare con lui al telefono che è cambiato molto”, ha detto Behnken.