covid-19 vaccino Johnson & Johnson

Il colosso farmaceutico Johnson & Johnson ha fatto un passo avanti con il suo vaccino per il Covid-19, rilasciando dati promettenti dopo averlo testato sulle scimmie e allo stesso tempo annunciando l’inizio di test clinici sugli esseri umani. Secondo i risultati pubblicati sulla rivista scientifica Nature, gli scienziati hanno scoperto che il vaccino sembrava proteggere un gruppo di scimmie che erano state vaccinate e poi successivamente deliberatamente esposte al virus che causa Covid-19. Le scimmie che non erano state vaccinate si sono ammalate.

Questi risultati promettenti sulle scimmie seguono risultati simili da parte di un’altra società di vaccini, Moderna, che ha pubblicato risultati altrettanto promettenti nelle scimmie sul New England Journal of Medicine lunedì. A differenza di molti altri tentativi di vaccinazione, gli scienziati affermano che i recenti dati sulle scimmie mostrano che il vaccino Johnson & Johnson, chiamato Ad26, potrebbe essere somministrato in un’unica soluzione anziché due.

“Abbiamo mostrato una singola immunizzazione del vaccino Ad26 che induce una protezione neutralizzante della risposta anticorpale”, ha dichiarato Dan H. Barouch, direttore del Center for Virology and Vaccine Research presso Beth Israel Deaconess Medical Center. “Questi dati essenzialmente forniscono le basi per il programma di sviluppo clinico”, ha affermato Barouch, che ha collaborato con Johnson & Johnson alla ricerca recentemente pubblicata.

covid-19 vaccino Johnson & Johnson

Al via ai test clinici sugli umani

Ora Johnson & Johnson sta facendo avanzare il suo candidato al vaccino per test umani. Ha annunciato il lancio di una sperimentazione di Fase 1/2 negli Stati Uniti e in Belgio questa settimana. I volontari in questo studio saranno monitorati per la sicurezza e il loro sangue sarà analizzato per indizi se il vaccino possa innescare una reazione del sistema immunitario – il segno distintivo di un buon vaccino.

Se tutto andrà bene, la società ha annunciato che proseguirà con uno studio di fase 3 molto più ampio a settembre, che sarà il vero test per verificare se il vaccino è efficace. Johnson & Johnson è una delle poche aziende a cui è stato assegnato un finanziamento nell’ambito dell’Operazione Warp Speed ​​del governo degli Stati Uniti, tra cui Moderna e AstraZeneca, in collaborazione con Oxford. Sebbene altre aziende stiano già arruolando pazienti negli studi di fase 3, gli esperti del vaccino affermano che la società avrà bisogno di più di un vaccino di successo per garantire a tutti la possibilità di essere immunizzati contro il virus che causa Covid-19.

Nel frattempo, Barouch ha detto che spera che il vaccino Johnson & Johnson potrebbe essere più facile da distribuire se è in grado di essere somministrato con successo con una singola dose. “Un vaccino a colpo singolo avrebbe vantaggi in termini di particelle per uno spiegamento globale”, ha affermato. “Pensiamo che un vaccino a colpo singolo abbia un valore incredibile in termini di controllo della pandemia.”