vetro alessandrino

I romani lo chiamavano vetro alessandrino, ma da dove deriva? Il vetro era molto apprezzato in tutto l’impero romano, in particolare una versione incolore e trasparente che ricordava il cristallo di rocca. Tuttavia la fonte di questo materiale ambito – noto come vetro alessandrino – è rimasta a lungo un mistero.

Ora, studiando le tracce dell’afnio all’interno del vetro, i ricercatori hanno dimostrato che questo prezioso prodotto ha avuto origine nell’antico Egitto. Durante il periodo dell’Impero Romano le bevande e il cibo veniva servito per la prima volta in recipienti di vetro su larga scala.

 

Vetro alessandrino apprezzato in tutto l’impero romano

Il vetro veniva anche usato in finestre e mosaici. Tutto quel materiale doveva provenire da qualche parte. Tra il I e ​​il IX secolo d.C., i vetrai romani nelle regioni costiere dell’Egitto e il Levante riempirono le fornaci di sabbia. Le enormi lastre di vetro che hanno creato hanno inclinato la bilancia fino a quasi 20 tonnellate. Quel vetro è stato quindi rotto e distribuito alle officine del vetro, dove è stato rifuso e trasformato in prodotti finali.

Tuttavia ciò che molte persone volevano davvero era il vetro incolore, quindi i produttori di vetro hanno sperimentato l’aggiunta di diversi elementi ai loro lotti. È noto che i produttori del Levante hanno aggiunto manganese, che reagisce con le impurità di ferro nella sabbia. Il vetro trattato con manganese ha mantenuto un po ‘di colore, ha affermato Gry Hoffmann Barfod, un geoscienziato dell’Università di Aarhus in Danimarca che ha guidato lo studio, che è stato pubblicato questo mese su Scientific Reports.

I produttori di vetro hanno anche provato ad aggiungere antimonio, con risultati molto migliori. “Ciò ha reso completamente cristallino“, ha detto il dott. Barfod. E costoso: un listino pubblicato dall’imperatore romano Diocleziano all’inizio del IV secolo d.C. si riferisce a questo vetro incolore come “alessandrino” e lo valuta quasi al doppio del prezzo del vetro trattato con manganese. Ma la provenienza del vetro alessandrino, nonostante il suo nome, non era mai stata fissata definitivamente in Egitto.

Motivato da quell’enigma, la dott.ssa Barfod e i suoi colleghi hanno analizzato 37 frammenti di vetro scavati nel nord della Giordania. I frammenti, ciascuno non più lungo di un dito, includevano vetro alessandrino e vetro trattato con manganese dal primo al quarto secolo d.C. Il campione includeva anche altri esemplari di vetro noti per essere stati prodotti più recentemente in Egitto o nel Levante.

vetro alessandrino

Maggiori quantità di afnio

I ricercatori si sono concentrati sull’afnio, un oligoelemento trovato nello zircone minerale, un componente della sabbia. Hanno misurato la concentrazione di afnio e il rapporto di due isotopi di afnio nei frammenti. Il vetro forgiato in diverse regioni geografiche aveva diverse firme di afnio, hanno dimostrato la dott.ssa Barfod e i suoi collaboratori. Il vetro egiziano conteneva costantemente più afnio e presentava rapporti isotopici inferiori rispetto al vetro prodotto nel Levante.

Dopo essere espulsa dalla foce del Nilo, la sabbia spazza verso est e nord fino alla costa del Levante, spinta dalle correnti d’acqua. I cristalli di zircone al suo interno sono pesanti, quindi tendono a stabilizzarsi all’inizio del viaggio sulle spiagge egiziane. Ciò spiega perché il vetro forgiato nelle fornaci egiziane tende a contenere più afnio del vetro levantino.

Quando i ricercatori hanno analizzato i frammenti di vetro alessandrino e trattato con manganese, hanno nuovamente riscontrato differenze distinte nell’afnio. Il vetro trattato con manganese aveva proprietà di afnio coerenti con la produzione nel Levante, come previsto. E il vetro alessandrino, il più chiaro tra i chiari quando si trattava di vetro trasparente, assomigliava chimicamente al vetro egiziano.

Tuttavia è ancora un mistero il motivo per cui gli oggetti provenienti dall’Egitto e dal Levante mostrano diversi rapporti di isotopi di afnio. Una possibilità è che gli zirconi contenenti determinati rapporti isotopici siano più grandi, più densi o più voluminosi, il che influenza il loro movimento.

Analizzare la chimica della sabbia egiziana e levantina della spiaggia sarebbe un modo logico per confermare questi risultati, ha affermato il dott. Barfod. Il prossimo passo sarebbe ovviamente quello di uscire e prendere la sabbia da entrambi i posti.