cicuta

La cicuta orientale non è uno di quegli onnipresenti alberi delle celebrità come la quercia bianca o il pino bianco. Per gran parte della sua gamma la cicuta si è nascosta principalmente nelle valli scure delle montagne, dove il clima fresco e umido l’ha favorita rispetto ai concorrenti.

Spesso si mescola con acero di zucchero, faggio e altri abitanti delle foreste resistenti al freddo. A partire dagli anni ’70, un minuscolo insetto a forma di afide, noto come adelgide lanosa di cicuta, originario del Giappone, scatenò la versione ad albero di una pandemia nelle foreste americane di cicuta.

cicuta

Cicuta, la genetica può salvarla

L’adelgida, simile al cotone che produce mentre si nutre di aghi di cicuta, ha ucciso milioni di alberi e ha rovesciato gli ecosistemi negli Stati Uniti orientali. Dopo aver trasformato gran parte degli Appalachi e del New England in cimiteri di alberi, l’insetto ha raggiunto la sponda orientale del Lago Michigan entro il 2016 e minaccia di continuare la sua marcia della morte attraverso il Midwest superiore.

Molti scienziati e silvicoltori hanno cancellato la cicuta come causa persa. Ma alcuni si chiedevano se rare combinazioni di geni di resistenza alle adelgidi potessero nascondersi tra gli alberi. Questi scienziati hanno cercato, propagato e piantato talee dagli alberi che sono rimasti verdi quando i loro vicini sono diventati fantasmi grigi.

I ricercatori hanno riferito che questi alberi sopravvivono meglio e crescono più velocemente di quelli non resistenti. Il risultato potrebbe segnare una pietra miliare verso un potenziale ritorno della cicuta. Quando le cicatrici iniziarono a morire in gran numero alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80, gli esperti forestali sapevano di avere un problema.

L’albero ospita dozzine di insetti e uccelli come il vireo dalla testa blu e il tordo eremita, e la sua ombra per tutto l’anno mantiene i torrenti di montagna abbastanza freschi per la trota. Gli scienziati hanno iniziato a cercare modi per mantenere le cicogne. Una strategia prevedeva la ricerca di rare cicatrici che sembravano tollerare l’adelgida. A metà degli anni 2000, un entomologo dello stato del New Jersey che esaminava vicino a Delaware Water Gap trovò uno stand di lussureggianti cicogne verdi in mezzo a scheletri grigi.

Gli scienziati universitari hanno clonato alcune talee da quelli che chiamavano alberi “antiproiettile” e, nel 2015, li hanno piantati in campi di prova vicino ad altre cicogne infestate da adelgidi. Quattro anni dopo, i ricercatori sono tornati su ciascun terreno e hanno valutato gli alberi.

cicuta

Dubbi e perplessità

Il 96% dei cloni delle talee era sopravvissuto, rispetto al 48% per gli altri hemlocks. I cloni antiproiettile erano più alti e avevano più fogliame e sostanze chimiche resistenti agli insetti chiamate terpeni. A causa delle piccole dimensioni del campione dello studio, Preisser lo definisce una “prova del concetto” che gli alberi resistenti alle adelgidi possono essere trovati e propagati. Tuttavia alcuni scienziati sono scettici sul fatto che la genetica possa salvare la cicuta.

Rusty Rhea, entomologo presso il Forest Service degli Stati Uniti ad Asheville, NC, ritiene che gli alberi antiproiettile possano essere andati meglio a causa dei fattori ambientali in cui stavano crescendo e che il periodo di studio di Preisser era troppo breve per dimostrare che gli alberi potevano sopravvivere nella foresta.

I ricercatori hanno trascorso più di 20 anni a testare uno scarabeo chiamato Laricobius nigrinus, originario della British Columbia. Ad aprile, gli scienziati hanno riferito che in siti negli Stati Uniti orientali dove hanno rilasciato Laricobius, gli scarabei hanno danneggiato circa un terzo delle sacche di uova adelgide deposte in inverno. Come risultato dell’alimentazione, in primavera sono emerse meno adelgidi in questi siti.

I ricercatori di Forest Service hanno anche scoperto che in pieno sole crescono più velocemente che in ombra, anche con le adelgidi che si nutrono di esse. Rhea spera che crescere le cicogne nelle radure della foresta e schierare coleotteri e mosche alla fine permetteranno agli alberi di raggiungere la maturità e riprodursi prima che l’adelgida li uccida.

cicuta

Possono sopravvivere all’età riproduttiva

Per Preisser, tuttavia, la continua lotta per stabilire una popolazione di predatori adelgidi sostenibili nella foresta suggerisce che il biocontrollo potrebbe essere un vicolo cieco. Sostiene la ricerca di banchi di alberi resistenti alle adelgidi adattati a diverse posizioni, coltivandoli in trame dimostrative su larga scala per determinare quali geni forniscono la resistenza uno sforzo che Preisser ammette sarà costoso.

La ricerca di Preisser e altri ha gettato le basi per gli allevatori per produrre quelli che possono sopravvivere all’età riproduttiva nella foresta. Sta lavorando per lanciare un programma di allevamento di cicuta con l’organizzazione di conservazione no profit American Forests; sarà ospitato presso l’Arboreto di Holden a Kirtland, nell’Ohio, e includerà anche frassini e faggi. Il New Jersey sta organizzando un proprio programma di allevamento di cicuta.