fatica post coronavirus

All’inizio di marzo, mentre cresceva l’angoscia per il Covid-19, Layth Hishmeh rimase indifferente. A 26 anni, si sentiva abbastanza sicuro che questo nuovo virus lo avrebbe colpito a malapena e ne avrebbe persino scherzato con i colleghi.

Dopo essersi ripreso dalle prime due settimane di tosse e febbre, è crollato per strada mentre faceva shopping. Per i successivi quattro mesi ha subito una serie sconcertante di sintomi, tra cui estrema fatica, un cervello nebbioso, un battito cardiaco sollevato e diarrea.

 

Coronavirus, la fatica uno dei sintomi post covid

Il signor Hishmeh, che vive nel Regno Unito, è una delle decine di migliaia di persone in tutto il mondo che hanno riportato affaticamento grave e altri sintomi, per mesi dopo aver contratto Covid-19. Denominata Covid a lungo raggio dalla comunità medica questa condizione poco compresa viene strettamente associata alla sindrome da affaticamento cronico o ME.

Una recente analisi dello studio sui sintomi di Covid ha suggerito che ben una persona su 10 con Covid-19 è stata malata per più di tre settimane. Alcuni dei problemi più perniciosi sono affaticamento cronico, febbre alta, insonnia, mal di testa, nebbia del cervello, sensazioni di formicolio e vertigini.

“Le persone sono bloccate a letto e non sono in grado di andare al lavoro o prendersi cura dei loro figli”, ha detto Timothy Nicholson, un neuropsichiatra che sta studiando il fenomeno dopo aver sofferto dei sintomi post-coronavirus. La stanchezza continua, unita a emicrania paralizzante e dolore al petto, hanno portato a diversi attacchi di panico. Ciò che preoccupa di più è la permanenza del virus, l’impatto duraturo che avrebbe potuto avere sul corpo sperimentando sintomi fisici, senza alcuna risoluzione.

fatica

Longcovid, caratteristiche uniche

Uno dei problemi che devono affrontare i dumper a lungo raggio è che non hanno eseguito un test con tampone di coronavirus durante le prime fasi della loro malattia. Ciò ha portato difficoltà nel tracciare una linea definitiva tra Sars-Cov-2 e i sintomi riportati.

Le cause dei sintomi riportati non sono comprovate e controverse. Mentre alcuni indicano la sindrome post-virale, stanchezza e debolezza dopo che una persona combatte un’infezione virale, altri sono fermamente convinti che il longcovid abbia caratteristiche uniche.

Le sindromi post-virali sono già impantanate nella controversia. Per decenni, le persone che soffrono di stanchezza cronica hanno sentito che la loro malattia è stata respinta dai professionisti medici come disturbi psicologici piuttosto che fisici. Minacce di morte sono state inviate da membri della comunità ME agli accademici che sposano trattamenti terapeutici per la malattia, secondo un esperto del settore.

Il Royal College of GPs ha invitato il governo del Regno Unito a fornire finanziamenti aggiuntivi per aiutare ad affrontare il problema. I membri dei gruppi di supporto longcovid hanno anche scritto al governo chiedendo ulteriori ricerche e un migliore supporto medico per i malati.