dinosauro tumore

Una collaborazione guidata dal Royal Ontario Museum (ROM) e dalla McMaster University ha portato alla scoperta e alla diagnosi di un tumore osseo maligno aggressivo – un osteosarcoma – per la prima volta in assoluto in un dinosauro. Nessun tumore maligno è mai stato precedentemente documentato nei dinosauri. Il documento è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista medica The Lancet Oncology.

L’osso canceroso in questione è il perone (osso della gamba inferiore) del Centrosaurus apertus, un dinosauro cornuto che visse da 76 a 77 milioni di anni fa. Scoperto originariamente nel Parco Provinciale dei Dinosauri in Alberta nel 1989, si pensava che la fine malformata del fossile rappresentasse una frattura curativa. Notando le insolite proprietà dell’osso in un viaggio al Royal Tyrrell Museum nel 2017, i ricercatori hanno deciso di indagare ulteriormente utilizzando moderne tecniche mediche. Hanno riunito un team di specialisti multidisciplinari e professionisti medici provenienti da campi tra cui patologia, radiologia, chirurgia ortopedica e paleopatologia.

“La diagnosi di tumore aggressivo come questo nei dinosauri è stata inafferrabile e richiede competenze mediche e molteplici livelli di analisi per identificare correttamente”, afferma Mark Crowther, donatore del Royal Patrons Circle e volontario presso la ROM. “Qui mostriamo l’inconfondibile firma del carcinoma osseo avanzato in un dinosauro cornuto di 76 milioni di anni fa, il primo del suo genere. È molto eccitante.”

 

Gli investigatori al lavoro per scoprire l’entità della massa tumorale

Dopo aver attentamente esaminato, documentato e lanciato l’osso, il team ha eseguito scansioni di tomografia computerizzata (CT) ad alta risoluzione. Successivamente hanno sezionato l’osso fossile e lo hanno esaminato al microscopio per valutarlo a livello osseo-cellulare. Potenti strumenti di ricostruzione CT tridimensionale sono stati utilizzati per visualizzare la progressione del cancro attraverso l’osso. Utilizzando questo rigoroso processo, gli investigatori hanno raggiunto una diagnosi di osteosarcoma.

Per confermare questa diagnosi, hanno quindi confrontato il fossile con un fibula normale di un dinosauro della stessa specie, nonché con un fibula umano con un caso confermato di osteosarcoma. Il campione fossile proviene da un dinosauro adulto con uno stadio avanzato di cancro che potrebbe aver invaso altri sistemi corporei. Eppure è stato trovato in un enorme letto di ossa, il che suggerisce che è morto come parte di una grande mandria di Centrosaurus abbattuta da un diluvio.

“Lo stinco mostra un cancro aggressivo in una fase avanzata. Il cancro avrebbe avuto effetti paralizzanti sull’individuo e lo avrebbe reso molto vulnerabile ai formidabili predatori del tirannosauro dell’epoca”, afferma il dottor David Evans, un esperto di questi dinosauri cornuti. “Il fatto che questo dinosauro mangiatore di piante vivesse in una grande mandria protettiva potrebbe avergli permesso di sopravvivere più a lungo di quanto avrebbe normalmente con una malattia così devastante.”

dinosauro tumore

Studiare le malattie di ieri per comprendere meglio le malattie del domani

L’osteosarcoma è un tumore osseo che si verifica generalmente nella seconda o terza decade di vita. È una crescita eccessiva di osso disorganizzato che si diffonde rapidamente sia attraverso l’ osso in cui ha origine che ad altri organi, incluso più comunemente, il polmone. È lo stesso tipo di cancro che ha colpito l’atleta canadese Terry Fox e ha portato alla parziale amputazione della gamba destra prima dell’eroica Marathon of Hope di Fox nel 1980.

“È affascinante e stimolante vedere un simile sforzo multidisciplinare che usiamo nella diagnosi e nel trattamento dell’osteosarcoma nei nostri pazienti che porta alla prima diagnosi di osteosarcoma in un dinosauro”, afferma Seper Ekhtiari, un residente di chirurgia ortopedica presso la McMaster University. “Questa scoperta ci ricorda i legami biologici comuni in tutto il regno animale e rafforza la teoria secondo cui l’ osteosarcoma tende a colpire le ossa quando e dove stanno crescendo più rapidamente.”

Questo studio mira a stabilire un nuovo standard per la diagnosi di malattie poco chiare nei fossili di dinosauro e apre le porte a diagnosi più precise e più certe. Stabilire legami tra le malattie umane e le malattie del passato aiuterà gli scienziati a comprendere meglio l’evoluzione e la genetica di varie malattie. Le prove di molte altre malattie che condividiamo con i dinosauri e altri animali estinti potrebbero essere ancora presenti nelle collezioni dei musei che necessitano di un riesame utilizzando le moderne tecniche analitiche.