thailandia-coronavirus

Questa settimana, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato che i Paesi che hanno seguito le raccomandazioni sanitarie sono stati in grado di contenere efficacemente la diffusione della pandemia di Covid-19.

Tra questi Paesi, Tedros Adhanom Ghebreyesus ha menzionato la Thailandia che, secondo i dati della Johns Hopkins University, ha registrato 3.310 casi positivi e 58 morti dall’inizio della pandemia, nonostante abbia una popolazione di quasi 70 milioni di persone ed sia una destinazione turistica molto popolare. Negli ultimi due mesi, sono stati rilevati solo alcuni casi importati di Covid-19.

I possibili fattori che hanno contribuito alla capacità dei thailandesi di combattere la diffusione della malattia includono il loro stile di vita, poiché trascorrono gran parte del loro tempo all’aperto, nonché la loro cultura della comunicazione. Ad esempio, per salutare qualcun altro, gli abitanti del Paese asiatico non salutano o abbracciano. Tradizioni simili sono praticate in altri Paesi nel bacino del Mekong.

Gli esperti sottolineano che il Paese ha un basso numero di malattie croniche tra la popolazione e che le caratteristiche del suo sistema immunitario sembrano anche aver contribuito a resistere con successo al coronavirus.

Allo stesso modo, anche gli stati limitrofi della regione, come Birmania, Cambogia e Laos, hanno tassi di infezione relativamente bassi. Inoltre, in Cambogia e Laos non vi sono stati decessi associati al coronavirus.

 

Una questione di sistema immunitario?

Secondo il quotidiano americano The New York Times, un esperto della Chulalongkorn University di Bangkok ha studiato un focolaio di coronavirus in una delle regioni della Thailandia e ha scoperto che oltre il 90% delle persone infette non presentava sintomi della malattia. L’esperto suggerisce che il sistema immunitario della popolazione locale potrebbe essere meglio preparato a combattere il coronavirus.

Anche le misure restrittive imposte dalle autorità thailandesi sono state abbastanza efficaci. Quasi immediatamente dopo la registrazione della prima infezione, è stato introdotto l’uso di mascherine. La quarantena è stata emanata il 24 marzo e i cittadini hanno adottato un approccio molto responsabile alle misure di sicurezza imposte dal governo locale.

A giugno, la vita normale ha iniziato a tornare in Thailandia. L’indagine di quarantena in quattro fasi è durata 33 giorni. Ai primi di luglio, il Paese ha potuto celebrare il capodanno thailandese, cancellato ad aprile a causa della crisi sanitaria.

 

Turismo soffocato

Economicamente la Thailandia, che dipende fortemente dalle esportazioni e dal turismo, si trova in una situazione molto difficile. A marzo, il governo locale ha deciso di concedere un sussidio mensile per tre mesi ai cittadini il cui reddito era diminuito in modo significativo a causa della pandemia. L’aiuto è stato richiesto da 29 milioni di persone.

L’FMI ​​prevede che l’economia thailandese contrarrà almeno il 6,5% del PIL quest’anno, mentre la Banca centrale del Paese prevede che il PIL subirà un calo record dell’8,1%. La Banca mondiale stima che, entro il 2020, oltre 8 milioni di cittadini potrebbero perdere il posto di lavoro e si prevede che oltre la metà degli hotel del Paese chiuderà.

La valuta nazionale, il baht, è scesa del 2,6% rispetto al dollaro durante le tre settimane di luglio ed è diventata una delle valute asiatiche più economiche. Per questi motivi, le autorità del Paese hanno approvato un pacchetto di incentivi di circa 60 miliardi di dollari, con l’obiettivo di mitigare le conseguenze economiche negative della pandemia.