Coronavirus animali domestici

Gatti e cani hanno la stessa probabilità di essere infettati dal virus SARS ‑ CoV-2 come lo sono le persone, secondo un sondaggio nel nord Italia che è il più grande studio del coronavirus negli animali domestici finora.

Nicola Decaro dell’Università di Bari e i suoi colleghi hanno preso tamponi di naso, gola o rettale di 540 cani e 277 gatti nel nord Italia tra marzo e maggio, secondo uno studio prestampato che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria.

 

I tassi di infezione da coronavirus negli animali domestici rispecchiano le persone

Gli animali vivevano in case con persone infette o in regioni gravemente colpite da COVID-19. Nessuno degli animali domestici è risultato positivo all’RNA virale SARS-CoV-2, ma in ulteriori test sugli anticorpi contro il virus circolanti nel sangue di alcuni animali, i ricercatori hanno scoperto che circa il 3% dei cani e il 4% dei gatti hanno mostrato prove di precedenti infezione.

I tassi di infezione tra cani e gatti erano paragonabili a quelli tra le persone in Europa al momento del test, suggerendo che non è insolito che gli animali domestici siano infettati. Gli scienziati in Francia sono divisi sulla creazione della prima strategia a lungo termine per la ricerca della nazione.

La strategia decennale, dettagliata in un disegno di legge approvato dal governo il 22 luglio e che dovrebbe essere approvata dalla legge entro la fine dell’anno, promette di aumentare il budget per la ricerca, creare migliaia di posti di lavoro e promuovere l’innovazione. Tuttavia, per molti scienziati, l’iniziativa non è stata all’altezza delle aspettative.

I principali scienziati francesi erano ottimisti riguardo al piano quando fu proposto nel 2019, perché prometteva di affrontare i problemi di lunga data nella ricerca, ad esempio proteggendo i bilanci dalle fluttuazioni politiche. Il suo obiettivo era anche quello di aumentare i salari degli scienziati in carriera, che in Francia sono pagati il ​​37% in meno della media per le nazioni dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Il disegno di legge è il risultato di oltre un anno di consultazioni con la comunità scientifica e rappresenta un investimento senza precedenti nella ricerca, ha dichiarato il ministro della ricerca francese Frédérique Vidal a Nature.

Coronavirus animali domestici

Il rilevatore di duplicazione trascina le prestampe di coronavirus

Tra le preoccupazioni che il torrente di studi su COVID-19 potrebbe portare a un lavoro sciatto, un informatico che sviluppa programmi automatizzati per individuare immagini duplicate in documenti di ricerca sta eseguendo il suo software sulle prestampe di coronavirus del mondo.

La ricerca COVID-19 sembrava un utile banco di prova per il suo programma. A giugno, ha scaricato 3.500 prestampate da bioRxiv e medRxiv, ha estratto e confrontato le loro immagini, circa 21.000 in totale. Il software ha raccolto circa 400 istanze di immagini potenzialmente duplicate. La maggior parte si è rivelata non problematica, afferma Acuna, ma ha selezionato 24 articoli che pensava contenessero immagini duplicate “interessanti” e le ha pubblicate sul suo sito web.

Tuttavia altri hanno detto che i duplicati non erano errori. La consulente per l’integrità scientifica con sede in California Elisabeth Bik, che è rinomata per la sua capacità di individuare i problemi negli articoli a occhio, afferma che il software ha ancora bisogno della supervisione umana per assicurarsi che non etichetti erroneamente duplicati appropriati come inappropriati.