vallate marte ghiacciai

La teoria che l’acqua scorresse un tempo su Marte permettendo ad un’antica vita aliena di esistere sul Pianeta Rosso è stata messa in discussione da una nuova ricerca. Il nuovo studio suggerirebbe che molte delle vallate del Pianeta Rosso sono state scavate da ghiacciai e non da fiumi come si pensava.

Lo studio su Nature Geoscience, che arriva in seguito ad una serie di nuove missioni su Marte che cercano di scoprire se il pianeta ormai sterile abbia mai ospitato la vita, mette in dubbio una teoria dominante secondo cui il pianeta un tempo avesse un clima caldo e umido con abbondante acqua liquida che scolpiva il paesaggio. I ricercatori canadesi e statunitensi hanno esaminato più di 10.000 vallate marziane e le hanno confrontate con i canali sulla Terra che sono stati scolpiti sotto i ghiacciai.

“Negli ultimi 40 anni, da quando le vallate di Marte sono state scoperte per la prima volta, si supponeva che i fiumi un tempo scorressero su Marte, erodendo e originando tutte queste valli”, ha affermato l’autore principale Anna Grau Galofre. Ma queste formazioni sono disponibili in una grande varietà “suggerendo che erano in gioco molti processi per scolpirle”, ha aggiunto.

 

Terra e Marte messe a confronto

I ricercatori hanno scoperto somiglianze tra alcune valli marziane e i canali subglaciali di Devon Island, nell’Artico canadese, che è stato soprannominato “Marte sulla Terra” per le sue condizioni sterili e gelide e ha ospitato missioni di addestramento spaziale della NASA.

Gli autori dello studio hanno affermato che alcune vallate marziane potrebbero essere state formate circa 3,8 miliardi di anni fa dall’acqua di fusione sotto le calotte glaciali, che secondo loro si sarebbero allineate con i modelli climatici prevedendo che il pianeta sia stato molto più fresco nel suo antico passato.

vallate marte ghiacciai

Le temperature glaciali avrebbero potuto sostenere una vita sul pianeta

Nature Geoscience ha osservato che la comprensione delle condizioni climatiche “nei primi miliardi di anni della storia di Marte è importante per determinare se il pianeta sia mai stato abitabile”. Gli autori dello studio hanno affermato che le temperature ghiacciate avrebbero potuto sostenere meglio la vita.

“Una lastra di ghiaccio darebbe maggiore protezione e stabilità alle acque sottostanti, oltre a fornire riparo dalle radiazioni solari in assenza di un campo magnetico – qualcosa che Marte aveva una volta, ma che è scomparso miliardi di anni fa”, ha affermato la
University of British Columbia.

La ricerca arriva dopo che la NASA ha lanciato il suo ultimo rover su Marte, Perseverance, per cercare segni dell’antica vita microbica sul Pianeta Rosso. Se tutto andrà secondo i piani, Perseverance raggiungerà Marte il 18 febbraio 2021 e raccoglierà campioni di roccia che potrebbero fornire indizi inestimabili sul fatto che ci sia mai stata vita passata su Marte. Tuttavia, il recupero e l’analisi non sono previsti prima del 2030. La Cina ha anche lanciato il suo primo rover su Marte , che dovrebbe arrivare entro maggio 2021.