cani discorso

Nonostante non siano in grado di parlare, i cani elaborano il discorso allo stesso modo degli umani, secondo un nuovo studio. Sia i cani che i cervelli umani elaborano separatamente l’intonazione, come una voce sale e scende, e il significato delle parole pronunciate.

I ricercatori ungheresi hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale, che misura l’attività cerebrale rilevando i cambiamenti associati al flusso sanguigno, su cani svegli. Hanno scoperto che i cani processano l’intonazione principalmente nelle regioni subcorticali inferiori del cervello e hanno riconosciuto il significato reale delle parole nelle regioni corticali, come gli umani.

 

Cani, Il loro cervello percepisce il discorso come gli umani

“Esplorare le somiglianze nell’elaborazione del parlato e le differenze tra cane e cervello umano può aiutare molto a comprendere i passaggi che hanno portato all’emergere del linguaggio durante l’evoluzione”, ha affermato l’autore dello studio Anna Gábor dell’Università Eötvös Loránd di Budapest.

È noto che i cani hanno una sensibilità ai segni comunicativi umani, compresi i segnali vocali. Sia l’intonazione che il significato, o lessicità, delle parole portano informazioni per i nostri compagni canini. Quando lodiamo i cani con una voce alta, possono notare l’intento positivo e apparire felici.

I cani possono rispondere a varie parole e fasi, come sedersi, sdraiarsi, giocare morti, aspettare o tallonare, ma non è solo l’intonazione che porta il loro significato. Molti cani riconoscono ancora la parola o la fase e rispondono a loro volta anche se abbiamo cambiato l’intonazione.

Tuttavia, i ricercatori hanno saputo molto poco di ciò che sta accadendo nei cervelli dei cani durante queste interazioni. Ricercatori ungheresi hanno misurato l’attività cerebrale dei cani svegli e cooperativi attraverso la risonanza magnetica funzionale.

I cani hanno ascoltato parole o frasi di lode familiari – “intelligente”, “ben fatto”, “tutto qui” – e termini sconosciuti e neutrali – “tale”, “come se”, “eppure” – sia in lode che intonazione neutra. “Durante la scansione del cervello, a volte ripetevamo parole, a volte intonazioni”, ha detto Gábor. “Una riduzione più marcata in una data regione del cervello a certe ripetizioni mostra il coinvolgimento della regione.”

cani discorso

Elaborare il discorso gerarchicamente

I risultati mostrano che i cervelli dei cani, proprio come i cervelli umani, elaborano il discorso gerarchicamente – intonazione nelle fasi inferiori, principalmente nelle regioni subcorticali, mentre le parole conosciute vengono elaborate nelle fasi superiori, nelle regioni corticali.

Ripetendo la stessa intonazione ha portato a una riduzione dell’attività, soprattutto nelle antiche regioni cerebrali subcorticali. Mentre ripetere parole conosciute ha portato a una riduzione dell’attività nelle regioni cerebrali corticali uditive di livello superiore.

Gli spunti più semplici, carichi emotivamente, come l’intonazione, vengono in genere analizzati nelle fasi inferiori, mentre gli spunti più complessi e appresi, come il significato delle parole, vengono analizzati nelle fasi più elevate di più specie, tra cui gli umani.

È interessante notare che i cani più anziani hanno distinto le parole meno dei cani più giovani nello studio. Sebbene l’elaborazione del parlato nell’uomo sia unica sotto molti aspetti, questo studio ha rivelato entusiasmanti somiglianze tra noi e una specie senza parole. La somiglianza non implica, tuttavia, che questa gerarchia si sia evoluta per l’elaborazione del parlato.

Invece, la gerarchia che segue l’intonazione e l’elaborazione del significato delle parole riportate qui e anche nell’uomo possono riflettere un principio di elaborazione più generale, non specifico del linguaggio. Il team di ricerca ha precedentemente scoperto che i cani analizzano separatamente gli spunti lessicali e intonazionali per decifrare il significato. I metodi Doggy per analizzare e integrare separatamente il significato delle parole e l’intonazione suggeriscono che questa capacità può evolversi in assenza di linguaggio.