città animali malattie

La nostra trasformazione del paesaggio naturale scaccia molti animali selvatici, ma favorisce le specie che hanno maggiori probabilità di portare malattie, secondo un nuovo studio. Il lavoro aggiunge alla crescente evidenza che lo sfruttamento della natura alimenta le pandemie. Gli scienziati stimano che tre su quattro nuove malattie infettive emergenti provengono da animali.

Lo studio mostra che, in tutto il mondo, abbiamo modellato il paesaggio in un modo che ha favorito le specie con maggiori probabilità di trasportare malattie infettive. E quando convertiamo gli habitat naturali in fattorie, pascoli e spazi urbani, aumentiamo inavvertitamente la probabilità che i patogeni vengano trasmessi all’uomo.

“I nostri risultati mostrano che gli animali che rimangono in ambienti più dominati dall’uomo sono quelli che hanno maggiori probabilità di portare malattie infettive che possono far ammalare le persone”, ha affermato Rory Gibb dell’University College di Londra (UCL).

 

In che modo modificare il paesaggio può causare malattie?

La trasformazione di foreste, praterie e deserti in città, periferie e terreni agricoli ha spinto molti animali selvatici verso l’estinzione. Animali di breve durata che possono sopravvivere nella maggior parte degli ambienti, come ratti e piccioni, hanno prosperato a scapito di animali longevi come i rinoceronti, che hanno requisiti di habitat specializzati.

Alcuni roditori, ad esempio, che trasportano una serie di virus, prosperano negli spazi urbani, dove altre specie sono andate perdute. Le nuove prove provengono dall’analisi di un set di dati di 184 studi che incorporano quasi 7.000 specie animali, 376 delle quali sono note per trasportare agenti patogeni condivisi con l’uomo.

Il nuovo studio, pubblicato sulla rivista Nature, mostra che gli animali che vivono negli ambienti modellati dall’uomo trasportano più agenti patogeni rispetto a quelli degli habitat incontaminati. E mette in evidenza una diffusa percezione sbagliata del pubblico che la natura selvaggia sia la più grande fonte di trasmissione di una malattia. In effetti, sembrano sorgere le maggiori minacce laddove le aree naturali sono state convertite in campi coltivati, pascoli, città e periferie.

città animali malattie

 

Perché le specie come i topi sono in aumento?

Lo studio si basa su ricerche precedenti che dimostrano come la modifica della terra per l’agricoltura e la costruzione di città stia favorendo la stessa specie ovunque. Animali come topi e piccioni stanno prendendo il posto di quelli meno comuni, che possono sopravvivere solo in determinati habitat.

Quando gli umani modificano gli habitat, le specie più uniche vengono costantemente perse e vengono sostituite da specie che si trovano ovunque, come i piccioni nelle città e i topi nei terreni agricoli. Questi sopravvissuti sembrano essere quelli che ospitano il maggior numero di malattie. Sono inclusi alcuni roditori, pipistrelli e uccelli.