dna antenato

Gli umani di oggi portano i geni di un antenato antico e sconosciuto, lasciato lì da specie di ominine che si mescolano forse un milione di anni fa. L’antenato potrebbe essere stato l’ Homo erectus, ma nessuno lo sa con certezza.

Il genoma di quella specie estinta di umano non è mai stato sequenziato, ha affermato Adam Siepel, un biologo e uno degli autori di un nuovo documento che esamina le relazioni di antichi antenati umani.

 

Il nostro DNA ha genomi di un nostro antenato

La nuova ricerca, pubblicata sulla rivista PLOS Genetics, rileva anche che antichi esseri umani si sono accoppiati con Neanderthal tra 200.000 e 300.000 anni fa. Grazie a questo antico evento di miscelazione, i Neanderthal devono in realtà tra il 3% e il 7% dei loro genomi all’antico Homo sapiens, hanno riferito i ricercatori.

La nostra migliore congettura è che un primo gruppo di umani anatomicamente moderni lasciò l’Africa e poi si incontrarono e si incrociarono con Neandertali, forse in Medio Oriente“, ha detto Siepel a Live Science. “Questo lignaggio sarebbe poi andato perduto – estinto, o assorbito dai Neanderthal, o migrato di nuovo in Africa“.

dna

Storia complessa

La nuova ricerca illustra la complessità della profonda storia dell’umanità. Da tempo si accumulano prove del fatto che uomini di Neanderthal si sono accoppiati mentre le loro popolazioni si sovrapponevano in Europa, prima che i Neanderthal si estinguessero circa 30.000 anni fa. Nel 2010, i ricercatori hanno riferito che tra l’1% e il 4% dei moderni geni umani provenivano da antenati di Neanderthal.

Quando si sommano tutti i frammenti di DNA di Neanderthal presenti oggi in tutti gli esseri umani moderni, circa il 20% del genoma di Neanderthal potrebbe essere preservato. Mentre gli scienziati sono stati in grado di sequenziare frammenti di DNA, hanno scoperto una complessa rete di incroci che risale a millenni.

Alcuni abitanti delle isole del Pacifico, ad esempio, portano pezzi del DNA di una misteriosa antica specie di umani conosciuta come Denisovans. I ricercatori del nuovo studio hanno usato un metodo computazionale per confrontare i genomi di due Neanderthal, un Denisovan e due moderni individui africani.

Questo metodo ha permesso ai ricercatori di catturare eventi di ricombinazione, in cui segmenti di cromosomi, da un individuo vengono incorporati nei cromosomi di un altro. Un vantaggio del metodo, ha affermato Siepel, è che consente ai ricercatori di trovare eventi di ricombinazione all’interno di eventi di ricombinazione.

dna

L’homo erectus, possibile donatore dei geni nella nostra genetica

Il metodo consente l’identificazione di questo “nidificato “DNA. L’analisi ha fornito prove di questo tipo di inserimento annidato del DNA. La scoperta che l’ Homo sapiens sembra essersi accoppiata con i Neanderthal si combina con le prove precedenti di una sorta di evento di miscelazione tra le due specie.

I ricercatori hanno anche scoperto che l‘1% del genoma denisoviano proviene dai geni di un antenato sconosciuto, un milione di anni fa. Questo antenato misterioso avrebbe potuto essere l’ Homo erectus, disse Siepel, perché probabilmente si sovrapponeva in Eurasia con gli antenati di Denisovans e Neanderthal. Tuttavia, questi frammenti sono piccoli e non ci sono sequenze di Homo erectus con cui confrontarli, quindi questo è speculativo.

In entrambi i casi, questi eventi di incroci sono stati nuovamente trasmessi agli umani moderni; il 15% delle sequenze di incroci trovate in Denisovans sono presenti nelle persone che vivono oggi, i ricercatori hanno scoperto. I nuovi risultati sono un’altra prova che i lignaggi umani antichi e moderni si mescolavano relativamente frequentemente, ha detto Siepel.

Sta emergendo un’immagine di una serie di popolazioni distinte ma correlate che si spostano in tutto il mondo e spesso interagiscono tra loro, con occasionali eventi di incroci che hanno prodotto prole ibrida“, ha detto Siepel. Questa prole ibrida potrebbe in alcuni casi soffrire di ridotta forma fisica, lasciando un mosaico di arcaico e moderno DNA umano a Neanderthal.