umani carne verdure

In molti pensano che gli umani siano mangiatori di carne per natura, ma in realtà non è così. I carnivori possono afferrare la propria preda e squarciarla con i propri denti senza necessità di coltello o forchetta. Noi non possiamo mangiare come farebbe un carnivoro naturale poiché la nostra struttura dentale non ce lo permette. Basti pensare che i canini dei lupi ad esempio possono raggiungere una lunghezza di sette centimetri e possono strappare letteralmente qualsiasi cosa. I nostri canini ovviamente sono più piccoli e secondo alcuni ricercatori saremo più predisposti verso le verdure piuttosto che la carne.

Se ci pensate gli erbivori come conigli, cavalli e pecore masticano da un lato all’altro e hanno intestini più lunghi per assorbire i nutrienti, proprio come noi. La loro saliva, così come la nostra, contiene amilasi, un enzima che aiuta a digerire i carboidrati amidacei presenti nel pane, nel riso e in altri cereali integrali. I carnivori differentemente non passano tanto tempo a masticare né consumano molti carboidrati, quindi non c’è bisogno di amilasi nella loro saliva. Le loro mascelle forti possono solo aprirsi e chiudersi e non sono in grado di muoversi da un lato all’altro come fanno le nostre.

Ovviamente noi umani non disponiamo nemmeno di artigli, ma abbiamo unghie corte e morbide, e i nostri canini sono piccoli e spuntati e non hanno alcuna possibilità di penetrare nella pelle. Quindi la domanda a questo punto è: “L’uomo è erbivoro, onnivoro o carnivoro?” In molti pensano che la risposta esatta, data la nostra dieta, possa essere onnivoro, ma non è così. Ma non siamo nemmeno dei carnivori nonostante il largo consumo di carne. Secondo le nostre caratteristiche, infatti, gli scienziati affermano che gli umani sono considerati erbivori.

 

I nostri antenati mangiavano più verdure

La dieta paleolitica, come modello per la moderna alimentazione umana è stata proposta per la prima volta negli anni ’80. Si presumeva che i nostri antenati mangiassero principalmente carne e pesce magri, con frutta e verdura, ma senza latticini, cereali o legumi: una dieta ricca di proteine ​​e povera di carboidrati. Nuove prove, tuttavia, mostrano qualcosa di diverso. Frammenti carbonizzati trovati in ceneri di 170.000 anni in una grotta nell’Africa meridionale suggeriscono che la vera dieta Paleo includesse molte verdure arrostite ricche di carboidrati, simili alle patate moderne.

In un sito dell’età della pietra in Israele, più di 9.000 resti di piante commestibili hanno fornito prove più convincenti che i nostri antichi antenati godevano di una dieta varia, a base vegetale, inclusi ortaggi a radice, verdure a foglia, sedano, fichi, noci, semi e semi di chenopodio (simile alla quinoa).

La tendenza continua nel corso della nostra storia, con analisi geochimiche di cereali e legumi provenienti da siti neolitici che confermano che i primi agricoltori facevano anche molto più affidamento sulle proteine ​​vegetali di quanto si pensasse in precedenza. Quindi, solo in tempi recenti, sembra, siamo passati a fare affidamento così pesantemente sulle proteine ​​animali.

umani carne verdure

I cibi vegetali hanno alimentato la nostra evoluzione

Nonostante le prove che i cibi vegetali abbiano alimentato la nostra evoluzione e che siamo più adatti a una dieta a base vegetale, i miti carnosi persistono, inclusa l’idea che la carne ci rendesse intelligenti.

L ‘”ipotesi del tessuto costoso”, proposta negli anni ’90 afferma che l’elevato fabbisogno energetico dei nostri cervelli relativamente grandi è compensato da una corrispondente riduzione delle dimensioni dell’intestino. La teoria è che mangiare carne ci ha permesso di ridurre le dimensioni del nostro intestino, liberando energia per il cervello.

Ma non è così semplice. I ricercatori affermano che la scoperta del fuoco e della cucina ha migliorato la qualità della nostra dieta rendendo il cibo più digeribile. Abbiamo anche risparmiato energia camminando in posizione verticale, crescendo più lentamente e riproducendoci in seguito e sono stati questi fattori ad alimentare la crescita delle dimensioni del nostro cervello.

umani carne verdure

Carne e malattie

Lungi dallo strappare gli animali con i nostri denti, non siamo nemmeno adatti a mangiare carne cruda o cotta, anche a livelli moderati, poiché è collegata a una vasta gamma di problemi di salute, tra cui obesità, malattie cardiache, diabete e cancro – in effetti, tutte le grandi malattie killer.

La tipica dieta occidentale, ricca di carne, latticini e alimenti trasformati, è legata a una vasta gamma di malattie, ma una dieta Paleo non è la risposta. Tutti i principali enti sanitari raccomandano di ridurre il consumo di carne, non solo per la propria salute, ma anche per il pianeta, poiché l’agricoltura animale sta avendo un effetto devastante sull’ambiente. Una dieta vegana varia può soddisfare tutte le tue esigenze nutrizionali ed è la migliore dieta per gli animali e per il pianeta, e noi siamo ideati per questo.