stonehenge-legno

Gli scavi archeologici presso il complesso di Perdigões, nel distretto di Évora, hanno identificato “una struttura unica nella preistoria della penisola iberica”, ha annunciato la società Era – Arqueologia, che scava nel sito da oltre 20 anni.

L’archeologo responsabile degli scavi che hanno luogo in terreni appartenenti a Herdade do Esporão, António Valera, ha affermato che si tratta di “una monumentale costruzione in legno, di cui rimangono le basi, di pianta circolare e con più di 20 metri di diametro”. Secondo Valera, questa costruzione “sarebbe composta da più cerchi concentrici di palizzate e allineamenti di grandi pali o tronchi di legno, che sono già stati esposti in circa un terzo della sua pianta“.

Si tratta di una “costruzione cerimoniale“, un tipo di struttura conosciuta solo in Europa centrale e nelle isole britanniche, secondo l’archeologo responsabile, con le denominazioni “Woodhenge“, versione in legno di Stonehenge o “Timber Circles” (cerchi di legno).

Questo è il primo ad essere identificato nella penisola iberica, essendo datato tra il 2800-2600 a.C., cioè sarà precedente alla costruzione in pietra di Stonehenge [in Inghilterra], per la quale è stata avanzata una cronologia intorno al 2500 a.C.” , ha sottolineato l’archeologo.

La struttura ora individuata si trova al centro del grande complesso di recinzioni di fossi a Perdigões e “si articola con la visibilità del paesaggio megalitico che si estende tra il sito e l’elevazione di Monsaraz“, a est.

Un possibile accesso all’interno di questa struttura è orientato verso il solstizio d’estate, rafforzando il suo carattere cosmologico“, ha detto Valera, sottolineando che “questa situazione è nota anche in altre strutture di legno europei, dove allineamenti astronomici Gli ingressi sono frequenti, a sottolineare lo stretto rapporto tra queste architetture e le visioni neolitiche del mondo”.

L’archeologo ha sottolineato che “questa scoperta rafforza la già elevata importanza scientifica del complesso di recinti Perdigões nel contesto internazionale degli studi neolitici europei, aumentandone al contempo la rilevanza del patrimonio“, che è stata riconosciuta nel 2019 con la classificazione come Monumento Nazionale.

 

Una struttura lignea misteriosa come Stonehenge

Il sito archeologico di Perdigões, alla periferia di Reguengos de Monsaraz, corrisponde a “un grande complesso di recinti con andamento circolare e concentrico delimitato da fossati, che copre un’area di circa 16 ettari e del diametro massimo di circa 450 metri“.

Questo sito è stato scavato per 23 anni dall’azienda e ha riunito collaborazioni di varie istituzioni e ricercatori nazionali e stranieri.

Quanto scoperto finora ci dice che il sito potrebbe essere stato occupato per circa 1.400 anni, dalla fine del Neolitico medio (3400 a.C.) e l’inizio dell’età del bronzo (2000 a.C.) ed “è visto essenzialmente come un grande centro di aggregazione delle comunità umane, dove si svilupperebbero pratiche cerimoniali e si genererebbero identità, relazioni culturali e politiche tra i diversi gruppi”.

Il suo impianto nel paesaggio “è rappresentativo del suo carattere cosmogonico“, essendo situato “in un anfiteatro naturale, aperto alla valle della Ribeira di Vale do Álamo, dove si trova una delle più grandi concentrazioni di monumenti del megalitismo dell’Alentejo. Gli ingressi ai recinti più esterni, ed altri ai recinti più interni, sono orientati verso i solstizi o gli equinozi, con l’orizzonte funzionante verso il quale sembra un autentico calendario annuale dell’alba”.

Perdigões – Campanha de 2020

1 minuto ERA para contar a história da confirmação de uma grande descoberta realizada pela nossa equipa no Complexo Arqueológico dos Perdigões.

Publiée par ERA Arqueologia sur Lundi 3 août 2020