covid antartide

L’intensa stagione estiva in Antartide inizia in ottobre e si protrae fino a febbraio, quando migliaia di scienziati provenienti da dozzine di paesi di solito si riuniscono nelle stazioni di ricerca remote del continente. Quaranta basi permanenti punteggiano il paesaggio desolato, un numero che quasi raddoppia quando le strutture solo estive riprendono le operazioni. Quest’anno, tuttavia, raggiungere questo gelido regno scientifico comporta una seria preoccupazione: l’Antartide è l’unico continente senza un solo caso segnalato di Covid-19.

L’assistenza medica presso le stazioni di ricerca è limitata e vivere in un dormitorio rende facile la diffusione delle malattie anche negli anni migliori. Durante una pandemia, la riduzione del numero di scienziati nel continente mitigherà il rischio di un’epidemia, ma interromperà anche la ricerca.

Gli scienziati che lavorano in Antartide scansionano le stelle con i telescopi, cercano particelle fondamentali e studiano alcuni degli animali più straordinari del mondo . Il continente remoto è fondamentale anche per comprendere i cambiamenti in tutto il nostro pianeta. Gli scienziati del clima studiano le antiche bolle d’aria intrappolate nel ghiaccio per comprendere la storia della Terra e monitorano lo scioglimento della calotta glaciale e il riscaldamento dell’Oceano Meridionale per prevedere il possibile futuro del pianeta.

Ma la maggior parte di questi scienziati dovrà svolgere questo lavoro lontano dal continente in questa stagione, affidandosi a sensori remoti e ai grandi volumi di dati e campioni raccolti negli anni precedenti. “È straziante”, afferma Nancy Bertler, direttrice dell’Antarctic Science Platform in Nuova Zelanda. “Abbiamo solo pochi anni per fare alcuni cambiamenti molto significativi per evitare le peggiori conseguenze del cambiamento climatico e non possiamo permetterci di aspettare un anno”.

 

Tenere Covid-19 lontano dal ghiaccio

L’ambiente antartico è così estremo che Dirk Welsford, capo scienziato dell’Australian Antarctic Program, lo paragona allo spazio, e con buone ragioni. La Stazione Spaziale Internazionale orbita a 220 miglia sopra la Terra, mentre la base più remota in Antartide – la struttura di ricerca Concordia in Francia e in Italia – è a circa 350 miglia dal suo vicino più prossimo e a oltre 600 miglia dalla fonte di rifornimento più vicina sulla costa.

La maggior parte delle basi antartiche si trovano sulla vasta costa piuttosto che nell’entroterra come Concordia, ma anche queste sono difficili da raggiungere. Gli scienziati viaggiano su aerei e navi che sono ritardati da condizioni meteorologiche spesso estreme, il programma antartico degli Stati Uniti ha una sezione della sua guida per i partecipanti intitolata “Sii paziente”.

Quest’anno la pazienza da sola non sarà sufficiente. “Per tutte le nazioni che lavorano in Antartide, l’obiettivo principale è tenere il virus lontano dal ghiaccio”, afferma Christine Wesche, coordinatrice logistica del programma antartico tedesco. Ma esattamente come raggiungere questo obiettivo rimane in evoluzione, poiché i programmi navigano in molte parti in movimento.

Il Consiglio dei Responsabili dei Programmi Nazionali Antartici (COMNAP) e i suoi 30 membri stanno coordinando un’importante riduzione del personale. Tutti i programmi ridurranno i loro team in misura variabile: Australia e Germania del 50% e Nuova Zelanda del 66%, ad esempio. Gli Stati Uniti non hanno condiviso la dimensione del team modificata, ma recenti comunicati stampa affermano che il numero di persone che possono schierare in sicurezza è “limitato”.

Riducendo le dimensioni dei team, i programmi possono garantire meglio un rigoroso regime di quarantena e test, poiché i test possono essere costosi e richiedono tempo per ottenere risultati. Limitare il numero di lavoratori nelle stazioni aiuta anche a garantire che, se il virus riesce a sopravvivere, a causa di un test difettoso, meno persone possono essere esposte.

Una manciata di città nell’emisfero australe sono fondamentali per raggiungere l’Antartide. La squadra tedesca di solito vola attraverso Città del Capo, in Sud Africa, un paese che ha segnalato più di mezzo milione di casi di Covid-19. L’incertezza sui voli internazionali attraverso l’hotspot significa che il team tedesco potrebbe dover viaggiare sulla loro nave di rifornimento Polarstern.

Gli Stati Uniti voleranno ancora attraverso Christchurch, in Nuova Zelanda, dove completeranno regolarmente l’addestramento pre-partenza e saranno equipaggiati con attrezzatura per il freddo prima di continuare a McMurdo e Scott Base con il team neozelandese. I due paesi stanno lavorando a una strategia di quarantena e test per tenere Covid-19 fuori da Christchurch quando gli Stati Uniti passeranno.

Una volta che le squadre arriveranno in Antartide, la vita sembrerà come prima della pandemia. I programmi possono testare i nuovi arrivati ​​o richiedere loro di distanziarsi socialmente, ma non manterranno queste pratiche per mesi di vita in comune. Si presume che tutti nel continente siano esenti da virus a meno che non presentino sintomi, nel qual caso saranno isolati, testati e, se positivi, eliminati dal continente. Un’epidemia di Covid sarebbe ancora più pericolosa nella stagione invernale, quando dure tempeste polari rendono i voli Medevac quasi impossibili da eseguire in sicurezza.

covid antartide

Mantenere attive le stazioni

I programmi antartici prevedono un certo grado di interruzione ogni anno a causa di tempeste, ghiaccio marino e problemi meccanici in luoghi remoti, ma non hanno mai cancellato progetti di questa portata prima. La maggior parte delle collaborazioni internazionali, dei nuovi esperimenti e del lavoro sul campo come l’etichettatura dei pinguini e la raccolta di campioni sono stati sospesi. Tuttavia, i responsabili del programma dicono che non possono cancellare completamente le loro stagioni.

L’Antartide è il continente più freddo, arido e ventoso della Terra. L’esploratore polare Sir Douglas Mawson definì l’Antartide un “paese maledetto”, mentre Robert Falcon Scott, il secondo uomo a raggiungere il Polo Sud, scrisse notoriamente: “Grande Dio! Questo è un posto orribile”. Cento anni dopo le loro spedizioni, ben poco è cambiato.

Gli edifici delle stazioni, quindi, necessitano dell’intervento umano per mantenere in funzione gli impianti idrici e fognari e per prevenire pericoli come perdite di carburante e incendi. La manutenzione è programmata durante il clima più mite dell’estate australe, che è l’unico momento in cui gli avamposti possono essere riforniti per l’inverno. Lasciare le basi vuote – o peggio, essere costretti a evacuarle – sarebbe più complicato di una stagione regolare.

Con poche eccezioni per progetti sperimentali, tra cui il viaggio scientifico marino in Australia per studiare il krill nelle acque dell’Antartide orientale, i programmi nazionali antartici stanno limitando il loro lavoro alle attività operative essenziali e mantenendo in esecuzione le loro raccolte di dati a lungo termine.

Nella Base Scott in Nuova Zelanda, le raccolte più antiche risalgono a quando la struttura è stata fondata nel 1957. Questi set di dati provenienti da stazioni meteorologiche, indagini ecologiche e ormeggi in acqua aiutano gli scienziati a tenere traccia della variabilità del clima antartico. La scienza può essere un gioco lento di cambiamenti incrementali e queste misurazioni di oltre 60 anni fa consentono ai ricercatori di vedere le tendenze a lungo termine nei dati.

covid antartide

Prospettive future per la prossima stagione

Quest’anno sarà una corsa di prova per testare le misure preventive dei programmi antartici. Se riescono a mantenere le loro squadre isolate, in salute e al sicuro in questa stagione, possono espandersi fino a spedizioni più grandi con più scienziati l’anno prossimo, anche se Covid-19 rimane una minaccia.

“Penso che speriamo di trovarci in un posto diverso per la prossima stagione”, afferma Sarah Williamson, CEO di Antarctica New Zealand. “Costruiremo e mireremo a una stagione completa con il maggior impegno scientifico possibile, e poi saremo pronti a cambiare i nostri piani proprio come abbiamo fatto quest’anno”.

Per quanto la ricerca sul clima in Antartide sia fondamentale per la salute del pianeta, la salute degli scienziati e del personale viene prima di tutto, aggiunge Wesche. “Il mio obiettivo principale è mandare le persone in salute e riportarle in salute”.