stelle

Una nuova tecnica può aiutare a identificare la misteriosa materia oscura, cercando distorsioni alla luce delle stelle. Nonostante sia invisibile, gli effetti della materia oscura su altri oggetti cosmici ne consentono la mappatura. I suoi impatti principali includono le rotazioni di galassie e stelle e la sua presenza può aiutare a spiegare il percorso che la luce percorre quando viaggia attraverso l’Universo.

Nella Via Lattea, gli effetti della materia oscura sono molto più piccoli e molto più difficili da mappare. Recentemente, un team di scienziati guidato da Siddharth Mishra-Sharma, dell’Università di New York, ha proposto una nuova tecnica per aiutare a identificare la materia oscura cercando distorsioni alla luce delle stelle . I risultati sono stati recentemente pubblicati su Physical Review D.

Negli anni ’30, Fritz Zwicky teorizzò che, se le galassie fossero costituite solo da materia barionica, si sarebbero separate. Gli scienziati di questa gravità la chiamarono materia oscura e i suoi effetti sono stati osservati per diversi anni.

 

Lente gravitazionale

Un effetto è la lente gravitazionale. Secondo la teoria della relatività generale, c’è una distorsione nello spazio-tempo causata dalla presenza di un corpo massiccio tra un oggetto e l’osservatore.

Su oggetti più piccoli, l’effetto è molto piccolo. Tuttavia, negli oggetti più massicci – come un ammasso di galassie -, la distorsione è molto più pronunciata, provocando un percorso curvo della luce mentre attraversa la regione.

Il nuovo metodo propone di osservare la struttura delle singole stelle nella Via Lattea per rilevare la presenza di materia oscura usando l’effetto proposto dalle lenti gravitazionali. Tuttavia, poiché gli effetti sono molto sottili su corpi relativamente piccoli, gli scienziati hanno avuto l’idea di cercare segni in gruppi di stelle.

Questa tecnica proposta dal team dell’università americana ci consente di dedurre la presenza di materia oscura analizzando le distribuzioni delle velocità e delle accelerazioni di stelle e galassie. Secondo le simulazioni, le distribuzioni variano in base al tipo di materia oscura – la struttura può anche aiutare a validare i modelli di materia.