mascherine-5g-coronavirus-complotto

Le scuole stanno riaprendo, i parchi di divertimento stanno accogliendo i visitatori e cenare all’aperto è il nuovo modo di mangiare fuori. Ma nonostante i segni che la vita stia tornando alla normalità, la pandemia di Covid-19 è ancora lì fuori. Ecco perché un gruppo di ricercatori della Duke University ha creato una semplice tecnica per analizzare l’efficacia di vari tipi di mascherine che sono diventate ad oggi una componente fondamentale per fermare la diffusione del virus.

La ricerca è iniziata quando un professore della Duke’s School of Medicine stava aiutando un gruppo locale a comprare maschere all’ingrosso da distribuire ai membri della comunità bisognosi. Il professore voleva assicurarsi che il gruppo acquistasse mascherine che fossero effettivamente efficaci.

Nello studio i ricercatori hanno dimostrato l’uso di un metodo semplice che utilizza un raggio laser e uno smartphone per valutare l’efficienza delle maschere studiando la trasmissione delle goccioline respiratorie durante il discorso regolare. “Usiamo una scatola nera, un laser e una fotocamera”, ha detto alla CNN Martin Fischer, uno degli autori dello studio. “Il raggio laser viene espanso verticalmente per formare un sottile foglio di luce, che facciamo brillare attraverso le fessure a sinistra e a destra della scatola”.

Nella parte anteriore della scatola c’è un buco con un altoparlante dove poter parlare. Una fotocamera del telefono è posizionata sul retro della scatola per registrare la luce che viene diffusa in tutte le direzioni dalle goccioline respiratorie che attraversano il raggio laser quando parlano. Un semplice algoritmo informatico conta quindi le goccioline viste nel video.

 

Quali mascherine sono le migliori secondo il test?

Gli esperti di sanità pubblica hanno passato mesi a sottolineare che le maschere sono uno degli strumenti più efficaci per aiutare a combattere la pandemia, e molti stati degli Stati Uniti hanno ora introdotto una sorta di requisito delle maschere. Ma quando hanno testato la loro efficacia, i ricercatori hanno scoperto che alcune mascherine sono letteralmente inutili.

I ricercatori hanno testato 14 maschere comunemente disponibili, inclusa una maschera N95 adattata professionalmente, solitamente riservata agli operatori sanitari. Per prima cosa il test è stato eseguito con un altoparlante senza indossare una maschera. Poi lo hanno fatto di nuovo mentre un oratore indossava una mascherina. Ogni maschera è stata testata 10 volte.

La maschera più efficace era la N95. Anche le maschere chirurgiche a tre strati e le maschere di cotone, che molte persone hanno realizzato a casa, hanno funzionato bene.
I velli per il collo, chiamati anche maschere a ghetta e spesso usati dai corridori, erano i meno efficaci.

In effetti, indossare una maschera in pile produceva un numero maggiore di goccioline respiratorie perché il materiale sembrava scomporre le goccioline più grandi in particelle più piccole che sono più facilmente trasportate dall’aria. Anche le bandane piegate e le maschere lavorate a maglia si sono comportate male e non hanno offerto molta protezione.

“Siamo rimasti estremamente sorpresi di scoprire che il numero di particelle misurate con il vello ha effettivamente superato il numero di particelle misurate senza indossare alcuna maschera”, ha detto Fischer. “Vogliamo sottolineare che incoraggiamo davvero le persone a indossare maschere, ma vogliamo che indossino maschere che funzionino davvero”.

covid mascherine

Un test semplice che può aiutare a misurare l’efficacia delle nostre mascherine

Sebbene la configurazione del test sia abbastanza semplice Fischer non consiglia alle persone di farlo a casa. A meno che una persona non abbia familiarità con la sicurezza del laser o abbia esperienza ottica, un uso improprio di potenti laser può causare danni permanenti agli occhi. Tuttavia, i ricercatori sperano che aziende, musei e centri di sensibilizzazione della comunità istituiscano il test per mostrare alle persone quali maschere siano le più efficaci.

“Questo è uno strumento visivo molto potente per aumentare la consapevolezza che maschere molto semplici, come quelle di cotone fatte in casa, fanno davvero bene a fermare la maggior parte di queste goccioline respiratorie”, ha detto Fischer. “Le aziende e i produttori possono configurarlo e testare il design delle loro maschere prima di produrle, il che sarebbe anche molto utile”.