marijuana gravidanza autismo

In quello che chiamano il più grande studio mai condotto, i ricercatori hanno scoperto che l’uso di marijuana durante la gravidanza può aumentare il rischio che un bambino sviluppi l’autismo. “Le donne che hanno usato cannabis durante la gravidanza avevano 1,5 volte più probabilità di avere un figlio con autismo”, ha riferito l’autore dello studio, la dottoressa Darine El-Chaâr, specialista in medicina fetale materna presso l’Ottawa Hospital Research Institute in Canada.

“Questi risultati non sono rassicuranti. Sconsigliamo vivamente l’uso di cannabis durante la gravidanza e l’allattamento”, ha dichiarato. Studi precedenti hanno dimostrato che l’uso di marijuana durante la gravidanza è collegato a basso peso alla nascita, impulsività, iperattività, problemi di attenzione e altri problemi cognitivi e comportamentali nei bambini. Le donne incinte che usano marijuana, ha scoperto uno studio, hanno un rischio di 2,3 volte maggiore di far morire un feto. “Sulla base di ciò, non sono troppo sorpreso da questi risultati”, ha detto El-Chaâr. “Lo sviluppo del cervello fetale si verifica durante tutte le età gestazionali”.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature, ha esaminato i dati di ogni nascita in Ontario, Canada, tra il 2007 e il 2012, ben prima che la marijuana ricreativa fosse legalizzata in Canada nel 2017. Su mezzo milione di donne in quel pool di dati, i ricercatori hanno poi ristretto lo studio a 2.200 donne che hanno affermato di aver usato solo marijuana durante la gravidanza, senza mescolarla con tabacco, alcol o oppioidi.

Lo studio non ha rilevato la quantità e il tipo di marijuana che le donne usavano durante la gravidanza. Né lo studio sapeva quando durante la gravidanza o quanto spesso le donne lo usavano. E mentre lo studio poteva solo mostrare l’associazione, non causa ed effetto, i ricercatori hanno affermato di aver fatto del loro meglio per eliminare i fattori di confusione.

 

Cosa spinge una donna ad usare marijuana in gravidanza?

Man mano che l’erba diventa legalizzata e più socialmente accettabile, i ricercatori sanitari temono che le future mamme possano pensare che vada bene usarla per curare la nausea mattutina o usarla in modo ricreativo, nonostante la mancanza di ricerche sugli impatti a lungo termine su un feto.

Le donne hanno anche scelto di usare la marijuana per evitare farmaci che ritenevano più dannosi per il loro bambino, come pillole anti-nausea, farmaci antipsicotici e oppioidi. La gestione del dolore, ha detto El-Chaâr, è la ragione più comune per l’uso della marijuana. “Aiuta con diverse condizioni che possono avere o per nausea e vomito in gravidanza”, ha detto El-Chaâr. “Alcune persone lo usano per dormire o per ridurre lo stress. Altri ancora lo usano in modo ricreativo; è solo una parte della loro routine.”

L’uso della marijuana da parte delle donne incinte è cresciuto negli Stati Uniti negli ultimi decenni. La stragrande maggioranza dell’uso di marijuana avviene durante i primi tre mesi di gravidanza ed è prevalentemente ricreativo piuttosto che medico. Eppure il primo trimestre potrebbe essere uno dei momenti più sensibili per lo sviluppo del cervello di un feto, quando è più suscettibile ai danni, ha detto El-Chaâr.

Gli studi hanno trovato recettori per la cannabis nel cervello degli animali già a cinque e sei settimane di età gestazionale. “Si può ipotizzare che se ci sono recettori dei cannabinoidi e il cervello del bambino è esposto, potrebbe avere (un) effetto sullo sviluppo del cervello”, ha riferito.

marijuana gravidanza autismo

Cosa fare in questi casi

Ogni donna che usa marijuana e scopre di essere incinta dovrebbe immediatamente discutere del suo uso con i suoi medici, dicono gli esperti. Eppure molte giovani donne non sono oneste. Uno studio su donne di età pari o inferiore ai 24 anni ha rilevato che avevano circa il doppio delle probabilità di essere positive allo screening per l’uso di marijuana rispetto a quanto dichiarato nelle auto-relazioni. La prevalenza auto-dichiarata dell’uso di marijuana durante la gravidanza varia dal 2% al 5% nella maggior parte degli studi.

“Le donne incinte o che contemplano una gravidanza dovrebbero essere incoraggiate a interrompere l’uso di marijuana per scopi medicinali a favore di una terapia alternativa per la quale ci sono migliori dati di sicurezza specifici per la gravidanza”, afferma ACOG nelle sue raccomandazioni . “Non ci sono dati sufficienti per valutare gli effetti dell’uso di marijuana sui bambini durante l’allattamento e l’allattamento al seno, e in assenza di tali dati, l’uso di marijuana è scoraggiato”.