Apocalisse insetti

Gli scienziati hanno avvertito di una “apocalisse di insetti” negli ultimi anni, notando un forte calo in aree specifiche, in particolare in Europa. Un nuovo studio mostra che questi avvertimenti non sono rappresentativi di ciò che sta accadendo agli insetti su scala più ampia.

Bill Snyder, professore di agroecologia all’Università della Georgia, ha cercato di scoprire se la cosiddetta “apocalisse degli insetti” sta per accadere e, in tal caso, era già iniziata. Alcuni scienziati dicono che potrebbero passare solo 30 anni prima che tutti gli insetti si estinguano, quindi questa è una domanda davvero importante e tempestiva per l’agricoltura e la conservazione.

 

Apocalisse degli insetti, possibile avvenimento anticipato

Snyder e un team di ricercatori dell’UGA, dell’Hendrix College e del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno utilizzato più di 5.300 punti dati per insetti e altri artropodi, raccolti in un periodo compreso tra quattro e 36 anni in siti di monitoraggio che rappresentano 68 aree naturali e gestite, per cercare prove di diminuzione negli Stati Uniti.

Alcuni gruppi e siti hanno mostrato aumenti o diminuzioni di abbondanza e diversità, ma molti sono rimasti invariati, producendo tendenze nette di abbondanza e biodiversità generalmente indistinguibili da zero.

Questa mancanza di aumento o diminuzione generale era coerente tra i gruppi di alimentazione degli artropodi ed era simile per i siti fortemente disturbati rispetto a quelli relativamente naturali. Questi risultati sono stati recentemente pubblicati su Nature Ecology and Evolution.

L’idea per lo studio è iniziata l’anno scorso con un viaggio su strada attraverso il paese per Snyder dallo stato di Washington alla sua nuova casa in Georgia. “Ho avuto la stessa osservazione che hanno avuto molte persone. Abbiamo fatto il nostro viaggio attraverso il paese: non vedi tanti insetti schiacciati sulla tua macchina o sul parabrezza.” Quando è arrivato a casa sua a Bishop, in Georgia, sembrava una storia diversa.

Apocalisse insetti

Cambiamento su larga scala

Ho notato che le luci fuori erano piene di insetti, tanti quanti ne ricordo da bambino“, ha detto. Ci sono alcune prove allarmanti che le api da miele europee abbiano problemi, ma Snyder era curioso se gli insetti ovunque fossero in declino. “Dipendiamo dagli insetti per tante cose“, ha detto. “Se gli insetti scomparissero, sarebbe davvero molto brutto. Forse la fine dell’esistenza umana.”

I dati LTER dell’NSF sono disponibili al pubblico, ma fino ad ora non sono stati raccolti in un unico set di dati per essere esaminati. Il team ha confrontato i campioni con i dati dell’indice dell’impronta umana, che include più fattori come insetticidi, per vedere se c’erano tendenze generali.

Particolari specie di insetti su cui facciamo affidamento per i servizi ecosistemici chiave di impollinazione rimangono inequivocabilmente in declino in Nord America, notano gli autori. In Europa, dove gli studi hanno rilevato un drastico calo degli insetti, potrebbe esserci un impatto sugli insetti più grande a lungo termine rispetto agli Stati Uniti, che hanno una densità di popolazione inferiore, secondo Snyder.

Non è la cosa peggiore al mondo fare un respiro profondo“, ha suggerito Snyder. “Ci sono state molte politiche ambientali e cambiamenti. Molti degli insetticidi usati in agricoltura ora hanno un’azione ristretta. Alcuni di questi effetti sembrano funzionare“. Quando si tratta di conservazione, c’è sempre spazio perché tutti possano intervenire e fare la loro parte. Questo potrebbe essere un messaggio di speranza che le cose che le persone stanno facendo per proteggere api, farfalle e altri insetti stanno effettivamente funzionando.