covid negozi aria

Durante la pandemia di Covid-19, supermercati e negozi hanno aggiunto una serie di funzioni di sicurezza. Ai lavoratori è stato richiesto di indossare le mascherine, più recentemente, anche alla maggior parte dei clienti. Ma la maggior parte deve ancora affrontare quella che potrebbe essere un’altra importante misura di sicurezza: modifiche ai sistemi che mantengono i negozi caldi e freddi e che possono potenzialmente far ricircolare l’aria che trasporta il virus che i dipendenti e i clienti respirano allo stesso modo.

Ora, mentre il virus continua a dilaniare il paese con pochi segni di diminuzione, l’aria nei negozi è sottoposta a un controllo più attento. Alcuni epidemiologi, ingegneri e leader sindacali sperano che cambiare la filtrazione dell’aria – un intervento a lungo termine che richiede maggiori investimenti finanziari – nei negozi durante la pandemia aiuterà a proteggere dalla diffusione del coronavirus, nonché dall’inquinamento atmosferico interno, per non parlare di eventuali futuri agenti patogeni presenti nell’aria.

All’inizio di luglio, dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un rapporto che riconosceva che il virus poteva essere diffuso nell’aria in spazi interni affollati, l’aggiornamento dei filtri dell’aria nei negozi è diventato un obiettivo maggiore per i sindacati e altri gruppi industriali.

 

Come impedire la diffusione del Covid-19 nei luoghi chiusi

Per limitare la diffusione del virus all’interno dell’aria, alcuni epidemiologi, biologi e ingegneri affermano che i negozi dovrebbero utilizzare un filtro MERV 13 o superiore nei loro sistemi di ventilazione. MERV sta per “valore minimo di reporting dell’efficienza” ed è il modo in cui i filtri sono valutati nella loro capacità di intrappolare particelle minuscole. I filtri ad alta efficienza nella gamma MERV da 13 a 16 sono spesso utilizzati in ospedali, case di cura, laboratori di ricerca e altri luoghi in cui la filtrazione è importante.

Una migliore filtrazione nei negozi rappresenterebbe “un ulteriore livello” di protezione per i lavoratori. I negozi di alimentari e al dettaglio possono ospitare la diffusione del Covid-19 perché sono al chiuso e spesso affollati. Gli spazi interni sono più rischiosi degli spazi esterni perché può essere più difficile tenere le persone a una distanza di almeno 2 metri e la ventilazione non è buona come quella all’aperto, afferma il CDC.

“Il rischio di esposizione ad agenti patogeni respiratori in un ambiente chiuso è sempre maggiore di un ambiente aperto”, ha detto Erin Sorrell, assistente professore presso il dipartimento di microbiologia e immunologia presso la Georgetown University. Alcune catene hanno già iniziato ad aggiornare i propri filtri. “Alla luce di Covid-19 e delle ultime linee guida CDC, stiamo anche aggiornando a sistemi di filtrazione ospedalieri di MERV 13 o superiore laddove tecnicamente possibile”, ha detto un portavoce della catena di supermercati tedesca Lidl, che ha circa 100 negozi negli Stati Uniti.

covid negozi aria

Attenzione alle minuscole goccioline di virus nell’aria

Si pensa che il Covid-19 si diffonda principalmente da persona a persona, “principalmente attraverso goccioline respiratorie prodotte quando una persona infetta tossisce, starnutisce o parla”, secondo il CDC. Ma alcuni scienziati hanno spinto le agenzie sanitarie a riconoscere la potenziale trasmissione aerea del coronavirus attraverso minuscole goccioline di virus che spruzzano dalla nostra bocca, si aerosolizzano e quindi rimangono nell’aria.

All’inizio di luglio, 239 scienziati hanno scritto una lettera aperta dicendo che i funzionari della sanità pubblica ignoravano queste minuscole goccioline di virus come probabile mezzo di trasmissione. Giorni dopo che la lettera è stata rilasciata, l’OMS ha rilasciato un rapporto in cui si afferma che la trasmissione aerea del coronavirus attraverso l’aria “non può essere esclusa” in alcuni ambienti interni. “Gli aerosol sono particelle molto piccole di solito con un diametro inferiore a 5 micron. I filtri MERV 13 e superiori possono intrappolare particelle così piccole”, ha detto Wafaa El-Sadr, professore di epidemiologia e medicina alla Columbia University.

covid negozi aria

Nuova protezione, nuovi costi

I costi per aggiornare i sistemi di filtrazione potrebbero non essere esorbitanti per i singoli negozi, ma sostituirli in centinaia di negozi potrebbe essere costoso per le catene. I prezzi variano a seconda delle regioni e del produttore e gli esperti di filtrazione hanno affermato che la maggiore domanda di filtri durante la pandemia ha causato un aumento dei prezzi.

Anche la National Retail Federation, un gruppo di difesa del settore della vendita al dettaglio, sta prestando maggiore attenzione alla filtrazione dell’aria. La scorsa settimana ha tenuto un webinar informativo per le aziende sui sistemi di filtrazione. Gli esperti dell’ambiente edilizio sperano che gli sforzi di filtrazione che i negozi e altri edifici implementano durante il coronavirus avranno un impatto molto tempo dopo la fine di questa pandemia.

“Ci auguriamo che un elevato standard di aria sarà in vigore anche dopo che i vaccini e le soluzioni terapeutiche saranno disponibili”, ha scritto la scorsa settimana un gruppo di oltre 600 ingegneri e architetti all’OMS. “L’inquinamento atmosferico indoor e outdoor è da decenni un problema persistente soprattutto per le popolazioni più vulnerabili”.