covid-19 pollo cina

Un campione di ali di pollo congelate importate dal Brasile è risultato positivo al Covid-19 nella città di Shenzhen nel sud della Cina, così hanno riferito le autorità, l’ultimo di una serie di segnalazioni di prodotti alimentari importati contaminati. Il coronavirus è stato rilevato su un campione di superficie prelevato da un lotto di ali di pollo durante lo screening di alimenti congelati importati nel distretto di Longgang a Shenzhen. I funzionari non hanno nominato il marchio.

Le autorità sanitarie, tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e i Centri Statunitensi per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC), hanno affermato che la possibilità di contrarre il virus attraverso il cibo è bassa. Le autorità sanitarie di Shenzhen hanno immediatamente rintracciato e testato le persone che potrebbero essere entrate in contatto con il prodotto e tutti i risultati sono stati negativi; tutti i prodotti correlati in magazzino sono stati sigillati e risultati negativi, afferma la dichiarazione.

Le autorità stanno ora rintracciando i prodotti correlati della stessa marca che sono già stati venduti e hanno disinfettato l’area in cui erano conservate le ali di pollo contaminate. L’Associazione Brasiliana delle Proteine ​​Animali (ABPA) sta analizzando l’incidente e ha ribadito che “non ci sono prove scientifiche che la carne trasmetta il virus”.
“Non è ancora chiaro quando l’imballaggio è stato contaminato e se si è verificato durante il processo di trasporto per l’esportazione”, ha aggiunto ABPA.

La notizia delle ali di pollo contaminate arriva il giorno dopo che il coronavirus è stato trovato sulla confezione di gamberetti importati dall’Ecuador, un altro paese sudamericano, in un ristorante nella provincia orientale dell’Anhui durante un’ispezione di routine, secondo quanto riferito dall’emittente statale cinese CCTV.

Da luglio, ci sono stati sette casi in cui il virus è stato rilevato sulla confezione di prodotti ittici importati in tutto il paese, dalla provincia di Shandong sulla costa orientale al comune di Chongqing a ovest, secondo i resoconti dei media statali . Questi incidenti hanno suscitato preoccupazioni sulla sicurezza degli alimenti importati. Le autorità sanitarie cinesi hanno ripetutamente detto al pubblico di essere cauto nell’acquisto di carne e pesce importati. Sui social media cinesi, alcuni hanno chiesto la sospensione di tutte le importazioni di alimenti surgelati.

 

Nessuna prova di possibili infezioni attraverso il cibo

L’OMS afferma che è “altamente improbabile che le persone possano contrarre il Covid-19 da alimenti o imballaggi alimentari”. Secondo il CDC, il rischio di infezione del virus da prodotti alimentari, imballaggi alimentari o sacchetti è “ritenuto molto basso”.
Entrambe le organizzazioni sottolineano che il coronavirus si diffonde principalmente da persona a persona attraverso goccioline respiratorie quando una persona infetta tossisce, starnutisce o parla.

Sebbene sia possibile catturare Covid-19 toccando una superficie o un oggetto, inclusi alimenti o imballaggi alimentari su cui è presente il virus, e poi toccando la bocca, il naso o forse gli occhi, non si ritiene che sia il principale modo in cui il virus si diffonde, secondo il CDC. “Non ci sono prove fino ad oggi di virus che causano malattie respiratorie trasmesse tramite cibo o imballaggi alimentari. I coronavirus non possono moltiplicarsi nel cibo; hanno bisogno di un ospite animale o umano per moltiplicarsi”, dice l’OMS.

David Hui Shu-cheong, esperto di medicina respiratoria presso l’Università cinese di Hong Kong, ha affermato che i prodotti alimentari importati risultati positivi in ​​Cina erano quasi certi di essere stati contaminati durante il confezionamento. Ma ha detto che non significa necessariamente che siano contagiosi: i test degli acidi nucleici potrebbero raccogliere l’RNA del virus morto. È noto che questi resti del virus hanno causato risultati falsi positivi su pazienti che si sono ripresi dal coronavirus, come in Corea del Sud.

Se il virus prelevato dai prodotti alimentari può essere coltivato in laboratorio, tuttavia, allora sono contagiosi, ha riferito, aggiungendo che il Covid-19 può sopravvivere a temperature gelide ed essere ancora attivo quando scongelato.

covid-19 pollo cina

Screening intensificato

Le autorità cinesi hanno aumentato lo screening delle carni e dei prodotti ittici importati da giugno, quando un’epidemia di coronavirus a Pechino è emersa dal più grande mercato alimentare all’ingrosso della città.

I media statali hanno riferito all’epoca che il virus è stato scoperto su un tagliere utilizzato per il salmone importato al mercato, spingendo i supermercati della capitale cinese a rimuovere il salmone dai loro scaffali.

Ma i funzionari del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno cercato di dissipare le preoccupazioni. “Non possiamo concludere che il salmone sia la fonte dell’infezione solo perché il nuovo Covid-19 è stato rilevato sul tagliere di un venditore”, ha detto alla Commissione Centrale per l’Ispezione Disciplinare Wu Zunyou, capo epidemiologo del CDC cinese.

Wu ha detto che il tagliere potrebbe invece essere stato contaminato da un proprietario o da clienti infetti o da altri prodotti che portavano il virus. A luglio, un nuovo focolaio di coronavirus nella città di Dalian, nella provincia di Liaoning, nel nord della Cina, è stato collegato a un’azienda di prodotti ittici, che lavora sia frutti di mare importati che nazionali.