Pianeta Cerere

Cerere è un pianeta nano e il più grande oggetto conosciuto nella fascia di asteroidi tra Marte e Giove. E ora sappiamo che potrebbe essere un mondo oceanico con intriganti attività geologiche che si svolgono sopra e appena sotto la sua superficie, secondo una nuova ricerca.

Mentre questo oceano globale sotto la superficie del pianeta probabilmente si è congelato nel tempo, i suoi resti potrebbero essere ancora presenti sotto un grande cratere da impatto su Cerere. La presenza di sali potrebbe aver conservato il liquido come una salamoia, nonostante le basse temperature.

 

Cerere, pianeta oceanico scoperto dalla NASA

Tra il 2011 e il 2018, la missione Dawn della NASA ha intrapreso un viaggio di 4,3 miliardi di miglia verso due dei più grandi oggetti nella fascia principale degli asteroidi del nostro sistema solare. Cerere è largo circa 592 miglia, 14 volte più piccolo di Plutone. Dawn ha visitato Vesta e Cerere, diventando la prima navicella spaziale a orbitare attorno a due destinazioni nello spazio profondo.

Questa nuova ricerca si basa sulle osservazioni effettuate durante l’orbita di Cerere da Dawn tra il 2015 e il 2018, compresi i passaggi ravvicinati che ha fatto del pianeta nano a sole 22 miglia sopra la superficie verso la fine della missione. Durante quel periodo, Dawn si è concentrata sul cratere Occator largo 57 miglia, una caratteristica di 22 milioni di anni che sembrava mostrare punti luminosi. Si è scoperto che queste caratteristiche accattivanti sono il carbonato di sodio, o un composto che include ossigeno, carbonio e sodio.

Tuttavia non era chiaro come quei punti luminosi si trovassero nel cratere. I dati della fine della missione di Dawn hanno rivelato un vasto e fangoso serbatoio di salamoia, o liquido salato, sotto il cratere. È profondo 25 miglia e si estende per centinaia di miglia.

Quando l’impatto che ha creato il cratere ha colpito Cerere, potrebbe aver permesso al serbatoio di depositare sali luminosi visibili nel cratere fratturando la crosta del pianeta. Quando le fratture hanno raggiunto i serbatoi salati, la salamoia è stata in grado di raggiungere la superficie del fondo del cratere. Mentre l’acqua evaporava, rimaneva una crosta luminosa e salata.

Pianeta Cerere

La salamoia al centro del pianeta

E le salamoie potrebbero ancora salire in superficie oggi, il che suggerisce che l’attività su Cerere non è dovuta allo scioglimento che potrebbe essersi verificato quando il pianeta è stato colpito. Infatti, i dati di Dawn indicavano anche la presenza di sali di cloruro idratato al centro della più grande area luminosa al centro del cratere, chiamata Cerealia Facula. Questo composto di idroalite è comune nel ghiaccio marino sulla Terra, ma è la prima volta che l’idroalite è stata trovata al di fuori del nostro pianeta.

I sali sembrano disidratarsi abbastanza rapidamente in superficie, almeno astronomicamente parlando. Questa disidratazione si verifica nel corso di centinaia di anni.
Tuttavia le misurazioni effettuate da Dawn hanno mostrato che l’acqua era ancora presente. Ciò suggerisce che la salamoia potrebbe ancora salire sulla superficie del cratere e che il liquido salato potrebbe ancora esistere all’interno di Cerere.

Ci sono anche tumuli e colline visibili nel cratere che probabilmente si sono creati quando i flussi d’acqua si sono congelati, suggerendo un’attività geologica su Cerere. Queste colline coniche sono simili ai pingos sulla Terra, o piccole montagne di ghiaccio che si trovano nelle regioni polari. Sebbene caratteristiche come questa siano state trovate anche su Marte, è la prima volta che vengono avvistate su un pianeta nano.

Pianeta Cerere

Un insolito pianeta nano

Le strutture simili a pingo e l’acqua che spinge verso l’alto attraverso le fratture nel cratere hanno rivelato che Cerere ha effettivamente sperimentato un’attività crio-vulcanica, o vulcani di ghiaccio, a partire da circa 9 milioni di anni fa. Il processo è probabilmente in corso.

Questo tipo di attività crio-vulcanica è stata osservata sulle lune ghiacciate nel sistema solare esterno, con pennacchi di materiale espulsi nello spazio. Ma non ci si sarebbe mai aspettato che si verificasse su pianeti nani o asteroidi nella fascia degli asteroidi, che si pensa siano senz’acqua e inattivi.

Cerere cambia questa teoria perché ha dimostrato di essere ricco di acqua e decisamente attivo. Un sopravvissuto fin dai primi giorni del sistema solare, così come si è formato 4,5 miliardi di anni fa, Cerere era più un “pianeta embrionale”; essenzialmente, ha iniziato a formarsi, ma non è mai finito.

Pianeta Cerere

Giove, la sua gravità arresta la crescita di Cerere

Giove, il pianeta più grande del nostro sistema solare, e la forza della sua gravità hanno probabilmente arrestato la crescita di Cerere. Quindi circa 4 miliardi di anni fa, Cerere ha trovato la sua casa nella fascia degli asteroidi insieme a tutti gli altri avanzi della formazione del sistema solare.

L’idea che l’acqua liquida possa rimanere preservata sui pianeti nani e sugli asteroidi è intrigante per gli scienziati. A differenza di altri mondi oceanici ghiacciati nel nostro sistema solare, come la luna di Saturno Encelado e la luna di Giove Europa, gli asteroidi e i pianeti nani non subiscono il riscaldamento interno.

La missione Dawn si è conclusa nel 2018 quando la navicella ha esaurito il carburante e non è più riuscita a comunicare con la NASA. È stato posto in orbita a lungo termine attorno a Cerere che previene l’impatto, proteggendo i suoi materiali organici e il liquido sotterraneo.

Le scoperte rese possibili dalla missione Dawn hanno reso gli scienziati desiderosi di esplorare il pianeta nano. Sebbene al momento non sia prevista un’altra missione per esplorare Cerere, due prossime missioni esploreranno Giove e le sue lune ghiacciate.