riscaldamento globale

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature, lo sporco umile potrebbe avere un impatto climatico sul riscaldamento globale. Un esperimento che ha riscaldato il terreno sotto una foresta pluviale tropicale per imitare le temperature previste nei prossimi decenni.

Ha scoperto che i terreni più caldi hanno rilasciato il 55% in più di anidride carbonica riscaldante il pianeta rispetto alle aree non armate vicine. Se i risultati si applicano a tutti i tropici, gran parte del carbonio immagazzinato nel sottosuolo potrebbe essere rilasciato mentre il pianeta si riscalda.

 

Riscaldamento globale, carbonio rilasciato dal sottosuolo

Il tasso di perdita è enorme“, ha detto Andrew Nottingham, ecologo presso l’Università di Edimburgo, che ha condotto lo studio. “È una brutta notizia.” La sottile pelle del suolo che copre gran parte della terra del nostro pianeta immagazzina enormi quantità di carbonio – più, in totale, che in tutte le piante e nell’atmosfera messe insieme.

Quel carbonio alimenta orde di batteri e funghi, che ne trasformano una parte in più microbi mentre respira il resto nell’atmosfera come anidride carbonica. Molti di questi microbi diventano più attivi a temperature più calde, aumentando la loro velocità di digestione e respirazione.

La scoperta “è un altro esempio del motivo per cui dobbiamo preoccuparci di più” della velocità con cui il globo si sta riscaldando, ha affermato Eric Davidson, uno scienziato ambientale che non è stato coinvolto nella ricerca.

Nel tentativo di prevedere il futuro, all’inizio degli anni ’90 gli ecologisti hanno iniziato a costruire apparati per riscaldare artificialmente il suolo. Tali esperimenti nelle foreste temperate e boreali hanno dimostrato che i suoli ricchi di carbonio quasi sempre eruttano anidride carbonica quando riscaldati.

Nel 2016, un gruppo di ricercatori ha stimato che, entro il 2050, il suolo potrebbe rilasciare così tanto del gas che riscalda il pianeta che sarebbe come aggiungere le emissioni di carbonio di un nuovo paese delle dimensioni degli Stati Uniti. Tuttavia quello studio ha escluso i tropici perennemente caldi e mega-biodiversi, dove risiede un terzo di tutto il carbonio del suolo.

Capire il destino di questo carbonio richiederebbe di affrontare le numerose insidie ​​della ricerca ai tropici; umidità, tempeste e una moltitudine di animali affamati che possono mettere a dura prova le attrezzature di ricerca, masticando cavi elettrici o coperture protettive, per esempio, e sugli stessi ricercatori.

riscaldamento globale

Esaminare il sottosuolo tropicale

Per comprendere i contributi del suolo al cambiamento climatico, i tropici “sono una regione molto importante” che “non è stata davvero studiata“, ha detto Margaret Torn, ecologa del Lawrence Berkeley Lab in California. Nel 2014, il dottor Nottingham, si è recato a Barro Colorado Island, un’isola creata dall’uomo che ospita lo Smithsonian Tropical Research Institute.

Ha seppellito i cavi elettrici in cinque trame circolari fino a una profondità di quasi quattro piedi. Per proteggersi dagli elementi e dagli insetti famelici, ha schermato i fili all’interno di strutture metalliche a forma di ragni incredibilmente grandi. Le misurazioni sono state registrate all’interno di scatole resistenti alle intemperie.

Il team ha riscontrato una serie di singhiozzi che sono esplosi e sono costati ai ricercatori quasi un anno e gran parte del loro budget da riparare. A partire da novembre 2016, la resistenza elettrica dei fili ha iniziato a riscaldare il suolo di quasi 6 gradi Fahrenheit, secondo gli attuali modelli climatici.

Altre apparecchiature hanno misurato l’anidride carbonica proveniente sia da parcelle sperimentali che da parcelle vicine che non erano riscaldate artificialmente, così come l’attività microbica negli appezzamenti. I risultati del team del dottor Nottingham fanno riflettere; in due anni, i terreni riscaldati hanno vomitato il 55% in più di carbonio rispetto alle aree di controllo. “Questa è una risposta molto ampia“, ha detto il dottor Torn, che conduce un esperimento di riscaldamento simile in una foresta della California che ha riportato un aumento di circa il 35% delle emissioni di carbonio dopo due anni. “È uno dei più grandi di cui abbia sentito parlare.”

Se tutti i tropici si comportassero in modo simile, i ricercatori stimano che 65 miliardi di tonnellate di carbonio entrerebbero nell’atmosfera entro il 2100, più di sei volte le emissioni annuali da tutte le fonti legate all’uomo.