covid depressione

Lo studio, dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) , ha rilevato che i giovani adulti erano particolarmente inclini ad ansia e depressione durante la pandemia da coronavirus.

I ricercatori dello studio hanno analizzato le informazioni di oltre 5.400 adulti statunitensi di età pari o superiore a 18 anni che hanno completato un sondaggio online alla fine di giugno.

 

Depressione e ansia nei giovani in aumento durante la pandemia

La percentuale di americani che segnalano sintomi di disturbo d’ansia è aumentata di circa tre volte e la percentuale di segnalazioni di sintomi di disturbo depressivo è aumentata di circa quattro volte, rispetto ai livelli osservati in un sondaggio condotto nello stesso periodo nel 2019, ha rilevato lo studio.

Complessivamente, nell’indagine del 2020, circa il 41% dei partecipanti ha riportato sintomi di almeno una condizione di salute mentale; con il 31% che manifesta sintomi di ansia o depressione, il 13% che inizia o aumenta l’uso di sostanze incluso alcol o marijuana per far fronte allo stress legato alla pandemia e quasi l’11% dichiara di aver preso seriamente in considerazione il suicidio.

Il bilancio è stato particolarmente impressionante tra gli adulti di età compresa tra i 18 ei 24 anni. In questo gruppo, circa il 63% ha riferito sintomi di ansia o disturbo depressivo, il 25% ha riferito di aver iniziato o aumentato l’uso di sostanze e il 25% ha riferito di considerare seriamente il suicidio negli ultimi 30 giorni. In un sondaggio nazionale condotto nel 2018 , circa il 14% dei giovani adulti ha riferito un episodio di depressione maggiore e l’11% ha riferito di pensieri gravi di suicidio nell’ultimo anno.

I nuovi risultati evidenziano l’ampio impatto della pandemia e la necessità di prevenire e curare queste condizioni, hanno scritto gli autori nel loro studio, pubblicato sulla rivista Morbidity and Mortality Weekly Report.

covid

Cattiva salute mentale

Lo studio non è stato in grado di determinare il motivo dell’aumento delle condizioni di salute mentale, ma potrebbero giocare fattori relativi alla pandemia, come l’isolamento sociale, la chiusura di scuole e università, la disoccupazione e altre preoccupazioni finanziarie, nonché la minaccia della malattia stessa. un ruolo, hanno detto gli autori. Saranno necessari studi futuri per determinare i fattori specifici della cattiva salute mentale nella pandemia.

Perché i giovani adulti sembrano particolarmente colpiti dalla pandemia non è noto. Dopotutto, gli studi hanno scoperto che i giovani hanno meno probabilità di contrarre malattie gravi da COVID-19 rispetto agli anziani. Ma gli adulti più anziani nello studio avevano la più bassa prevalenza di sintomi di salute mentale: tra coloro di età pari o superiore a 65 anni, l’8% ha riferito di aver manifestato sintomi di ansia o depressione, il 3% ha riferito di aver iniziato o aumentato l’uso di sostanze e il 2% ha riferito di prendere seriamente in considerazione il suicidio nel ultimi 30 giorni.

C’è un urgente bisogno di affrontare le conseguenze sulla salute mentale della pandemia, ad esempio attraverso un maggiore accesso alle risorse per la diagnosi e il trattamento delle condizioni di salute mentale e l’uso esteso della telemedicina, hanno detto gli autori.