covid-19-fumare

L’anno scorso, la preoccupazione delle autorità sanitarie statunitensi era lo scoppio di una malattia polmonare associata all’uso di sigarette elettroniche, note anche come vapers. Quest’anno la preoccupazione trascende i confini degli Stati Uniti ed è molto più difficile da controllare. Un coronavirus proveniente da Wuhan, in Cina, ha infettato milioni di persone dalla fine del 2019, causando oltre 760.000 morti in tutto il mondo, colpendo non solo la salute fisica, ma anche mentale.

E sebbene la natura dei due problemi sia abbastanza diversa, a un certo punto potrebbero incontrarsi. Ad esempio, un nuovo studio suggerisce che adolescenti e giovani adulti che fumano corrono un rischio maggiore di contrarre il coronavirus.

 

Indagini su adolescenti e giovani adulti

I ricercatori hanno condotto sondaggi online su 4.351 partecipanti di età compresa tra 13 e 24 anni che vivono in tutti i 50 stati degli Stati Uniti, nel Distretto di Columbia e in tre territori degli Stati Uniti. La popolazione target erano i giovani che usavano sigarette elettroniche e quelli che non avevano mai usato prodotti a base di nicotina, che sono stati ugualmente scelti come campione per lo studio considerando età, razza e sesso.

Le domande miravano a scoprire se avessero mai utilizzato dispositivi di fumo o sigarette tradizionali e se avessero fumato negli ultimi 30 giorni. È stato anche chiesto loro se avevano manifestato sintomi di COVID-19, se erano stati testati o se avevano ricevuto una diagnosi di positività alla malattia.

I risultati hanno mostrato che i giovani che avevano usato sia sigarette tradizionali che sigarette elettroniche nei 30 giorni precedenti il ​​sondaggio avevano quasi cinque volte più probabilità di manifestare sintomi di COVID-19 come tosse, febbre, stanchezza e mancanza di respiro rispetto a quelli che non aveva mai fumato.

Sono state anche osservate differenze in base al tipo di prodotto alla nicotina che i partecipanti stavano consumando, nonché a quanto recentemente avevano fumato. Ciò ha prodotto da 2,6 a 9 volte più probabilità di essere diagnosticati con il COVID-19 rispetto a coloro che non hanno utilizzato nessuno di questi prodotti.

 

Le sigarette elettroniche aumentano la probabilità di una diagnosi positiva di COVID-19

I ricercatori hanno scoperto che tra i partecipanti che erano stati testati per COVID-19, quelli che non avevano mai usato sigarette elettroniche avevano cinque volte più probabilità di risultare positivi rispetto ai non vapers. Allo stesso modo, coloro che avevano utilizzato sia le sigarette elettroniche che le sigarette convenzionali nei 30 giorni precedenti avevano 6,8 volte più probabilità di essere diagnosticati con l’infezione.

I giovani potrebbero credere che la loro età li protegga dal contrarre il virus o che non sperimenteranno i sintomi del COVID-19, ma i dati mostrano che questo non è vero tra quanti fumano“, afferma il ricercatore post-dottorato Shivani Mathur Gaiha e coautore dello studio.

Al momento, i ricercatori non hanno trovato alcuna prova di una possibile connessione tra il fumare solo sigarette convenzionali e la diagnosi di COVID-19. Tuttavia, i rischi di consumare questi ultimi sono ben documentati.