covid sintomi

Un punto cardine difficile per combattere la pandemia da coronavirus è l’emergere dei sintomi da Covid-19. Il periodo di incubazione può durare da pochi giorni a due settimane, quindi potremmo iniziare a mostrare i primi segni di infezione molto tempo dopo aver contratto la malattia.

Molte persone, come abbiamo visto abbondantemente, non mostrano alcun sintomo pur essendo infetti. Tuttavia se compaiono i sintomi potrebbe essere necessario effettuare ulteriori test per affermare la patologia.

 

Covid-19, il mostrarsi dei sintomi potrebbe essere d’aiuto

Quest’ultima porta alla luce un sintomo chiave ossia la perdita di olfatto e gusto, ma ovviamente non a tutti inizia cosi l’infezione. Sebbene i sintomi potrebbero non essere sufficienti per diagnosticare correttamente il virus, sapere quali sono i segni più probabili e l’ordine in cui compaiono, potrebbe essere uno strumento utile sia per i pazienti che per i medici.

Un team di ricercatori ha analizzato migliaia di casi e ha individuato l’ordine più probabile dei sintomi di Covid-19. “Questa malattia è più contagiosa dell’influenza, tanto che si verificano frequentemente epidemie a grappolo“, hanno scritto i ricercatori nello studio pubblicato su Frontiers in Public Health . “Se i pazienti con sintomi fossero stati rapidamente sottoposti a test e tracciamento dei contatti, questi focolai potrebbero essere contenuti. Sfortunatamente, i pazienti COVID-19 hanno sintomi simili ad altre malattie comuni “.

Il team ha analizzato i set di dati di oltre 55.000 casi in Cina raccolti dall’Organizzazione mondiale della sanità a metà febbraio, così come i dati per quasi 1.100 casi dall’11 dicembre al 29 gennaio raccolti dal China Medical Treatment Expert Group tramite la National Health Commission of China.

Covid

Identificare prima i sintomi abbassa il tasso di ricoveri ospedalieri

Attraverso la loro analisi, hanno scoperto che i pazienti che sviluppano sintomi hanno maggiori probabilità di manifestare prima la febbre, seguita da tosse e dolore muscolare. Poi potrebbero insorgere nausea e vomito e solo in seguito sarebbe comparsa la diarrea.

Questo ordine è particolarmente importante per sapere quando abbiamo cicli sovrapposti di malattie come l’influenza che coincidono con le infezioni da Covid-19“, ha detto a ABC News il coautore dello studio Peter Kuhn . “I medici possono determinare quali misure intraprendere per prendersi cura del paziente e possono impedire che le condizioni del paziente peggiorino”.

Ovviamente non esiste alcuna garanzia che tutti i casi inizino con quest’ordine e non è detto che tutte le persone infette dimostrino questi sintomi; bisogna fare ulteriori ricerche su questa teoria. Tuttavia questi risultati potrebbero essere utili negli ospedali già pieni di pazienti gravemente malati per prepararsi alla prossima stagione influenzale.

Dato che ora ci sono approcci migliori ai trattamenti per COVID-19, identificare i pazienti prima potrebbe ridurre i tempi di ricovero“, ha detto Joseph Larsen. Inoltre, i ricercatori pensano che il fatto che la febbre sia il primo sintomo più comune dia una conferma al fatto che i controlli della temperatura dovrebbero essere condotti nelle scuole e in altri ambienti interni.