micro plastiche

L’inquinamento da micro e nano plastiche nell’ambiente è un problema grave che riguarda tutto il mondo. Anche minuscoli frammenti possono contaminare l’ambiente. Gli animali e gli esseri umani possono ingerire le particelle, con conseguenze sulla salute incerte.

Ad oggi, alcuni scienziati in un nuovo studio, sono tra i primi ad aver trovato questi piccoli frammenti negli organi e in alcuni tessuti degli esseri umani. I ricercatori hanno presentato i loro risultati al Virtual Meeting & Expo dell’American Chemical Society.

 

Micro plastiche, piccoli frammenti negli organi umani

È possibile trovare plastiche che contaminano l’ambiente praticamente in ogni luogo del globo e in pochi decenni siamo passati dal vedere la plastica come un meraviglioso vantaggio a considerarla una minaccia“, afferma Charles Rolsky, che presenta il lavoro all’incontro.

Ci sono prove che la plastica si sta facendo strada nei nostri corpi, ma pochissimi studi l’hanno cercata lì. E a questo punto, non sappiamo se questa plastica sia solo un fastidio o se rappresenti un pericolo per la salute umana “, ha continuato l’autore. Gli scienziati definiscono le microplastiche come frammenti di plastica di diametro inferiore a 5 mm. Le nanoplastiche sono ancora più piccole, con diametri inferiori a 0,001 mm.

La ricerca su animali selvatici ha collegato l’esposizione micro e nanoplastica a infertilità, infiammazione e cancro, ma i risultati sulla salute nelle persone sono attualmente sconosciuti. Precedenti studi hanno dimostrato che la plastica può passare attraverso il tratto gastrointestinale umano, ma non si sa se questi frammenti possano accumularsi nei tessuti degli organi umani.

Per scoprirlo, i ricercatori hanno collaborato con Diego Mastroeni, per ottenere campioni da un ampio archivio di tessuti cerebrali e corporeiche è stato istituito per studiare le malattie neurodegenerative, come l’Alzheimer. I 47 campioni sono stati prelevati da polmoni, fegato, milza e reni, quattro organi che potrebbero essere esposti, filtrare o raccogliere microplastiche.

micro plastiche

Particelle di plastica in unità di massa

I ricercatori hanno anche creato un programma che converte le informazioni sul conteggio delle particelle di plastica in unità di massa e area superficiale. Hanno in programma di condividere lo strumento online in modo che altri ricercatori possano riportare i loro risultati in modo standardizzato.”Questa risorsa condivisa aiuterà a costruire un database sull’esposizione alla plastica in modo da poter confrontare le esposizioni in organi“, afferma Halden.

Il metodo consente ai ricercatori di rilevare dozzine di tipi di componenti in plastica all’interno dei tessuti umani, tra cui policarbonato (PC), polietilene tereftalato (PET) e polietilene (PE). Se associato a un test di spettrometria di massa sviluppato in precedenza, viene rilevata la contaminazione plastica in ogni campione. Il bisfenolo A (BPA), ancora utilizzato in molti contenitori per alimenti è trovato in tutti i 47 campioni umani.

I donatori di tessuti hanno fornito informazioni dettagliate sul loro stile di vita, dieta ed esposizioni professionali“, dice Halden. “Poiché questi donatori hanno storie così ben definite, il nostro studio fornisce i primi indizi sulle potenziali fonti e vie di esposizione di micro e nanoplastiche.”

Una volta che avremo un’idea migliore di cosa c’è nei tessuti, possiamo condurre studi epidemiologici per valutare i risultati sulla salute umana. In questo modo, possiamo iniziare a comprendere i potenziali rischi per la salute, se ce ne sono.