goccioline infettive

Per la prima volta dallo scoppio della pandemia di Covid-19 si è giunti alla conclusione che il virus si espande anche nell’aria e che le goccioline respiratorie che espelliamo sono infettive.

Cò lo dichiara l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Dopo la scoperta di tracce di Covid sui surgelati, ora un’altra scoperta. Ma vediamo di cosa si tratta esattamente. Quando tossiamo e starnutiamo, parliamo o semplicemente respiriamo, rilasciamo naturalmente nell’aria goccioline, piccole particelle di fluido, e aerosol, particelle più piccole.

 

Goccioline infettive scoperte nell’aria

Si definisce come “gocciolina” una particella più grande di 5 micron e le goccioline non viaggiano più lontano di un metro. Le goccioline tendono a volare nell’aria come mini palle di cannone e cadono a terra piuttosto rapidamente, mentre gli aerosol possono fluttuare per molte ore.

La fisica di base dice anche che una gocciolina da 5 micron impiega circa mezzora a cadere sul pavimento dalla bocca di un adulto di statura media, e durante quel periodo, la goccia può viaggiare per molti metri su una corrente d’aria. Anche le goccioline espulse con la tosse o gli starnuti viaggiano molto più lontano di un metro.

All’inizio della pandemia l’OMS, così come gli altri centri specializzati, avevano messo in guardia principalmente sulla trasmissione del nuovo Coronavirus attraverso il contatto diretto e le goccioline rilasciate a distanza ravvicinata. L’organizzazione aveva messo in guardia dagli aerosol solo in rare circostanze, come dopo l’intubazione e altre procedure mediche che coinvolgevano pazienti infetti negli ospedali.

goccioline infettive

Il cambio di rotta dell’OMS

Dopo diversi mesi di pressioni da parte degli scienziati, l’OMS ha cambiato posizione, passando dal rifiuto all’accettazione parziale: “Sono necessari ulteriori studi per determinare se è possibile rilevare SARS-CoV-2 in campioni d’aria da ambienti in cui non vengono eseguite procedure che generano aerosol e quale ruolo potrebbero svolgere gli aerosol nella trasmissione del virus”.

In un recente studio pubblicato su Scientific Reports, i ricercatori del Centro medico dell’Università del Nebraska hanno scoperto che gli aerosol raccolti nelle stanze d’ospedale dei pazienti con Covid-19 contenevano il virus. Ciò conferma i risultati di uno studio in cui si è scoperto che i pazienti con Covid-19 rilasciavano SARS-CoV-2 semplicemente espirando, senza tossire o nemmeno parlare.

Gli autori di quello studio hanno affermato che la scoperta implicava che la trasmissione aerea gioca un ruolo importante nella diffusione del virus. Uno studio condotto da scienziati dell’Università di Hong Kong e Zhejiang University, a Hangzhou, in Cina, pubblicato sulla rivista Building and Environment ha concluso che più piccole sono le goccioline espirate, più importante è la rotta aerea a corto raggio.

Secondo gli esperti, è plausibile che si possa entrare in una stanza vuota e contrarre il virus se una persona infetta era lì prima di noi, ma probabilmente solo se la stanza è piccola e soffocante. Il virus può diffondersi attraverso condotti d’aria o tubi? Forse, anche se non è stato stabilito. La trasmissione a lungo raggio, invece, da parte di aerosol probabilmente non sembrerebbe significativa.

La protezione più forte contro SARS-CoV-2, indipendentemente dal fatto che il virus sia contenuto principalmente in goccioline o aerosol, rimane essenzialmente la stessa: mantenere la distanza di sicurezza e indossare la mascherina. Piuttosto, i recenti risultati sono un importante promemoria per essere vigili anche sull’apertura delle finestre e sul miglioramento del flusso d’aria all’interno.