covid mutazione

Una mutazione del covid-19, riscontrata negli ex epicentri della pandemia, che è più pericoloso ma meno mortale, potrebbe essere la nostra ancora di salvezza per uscire da questo incubo.

Lo afferma un importante esperto di malattie. L’aumento della prevalenza della mutazione D614G in Europa, Nord America e parti dell’Asia coincide con un calo dei tassi di mortalità per Covid-19, e “forse è una buona cosa“, sostiene Paul Tambyah, consulente senior presso l’Università Nazionale di Singapore.

covid mutazione

Covid, la mutazione porta a più contagi e meno mortalità

Inoltre, sottolinea che è l’evoluzione naturale per i virus diventare meno virulenti mentre mutano, nel tentativo di sopravvivere a lungo termine; se uccidono i loro ospiti troppo rapidamente, i virus tendono a non durare troppo a lungo in natura. “È nell’interesse del virus infettare più persone ma non ucciderle, perché un virus dipende dall’ospite per il cibo e per il riparo”, ha spiegato Tambyah.

Questa particolare mutazione è stata scoperta già durante la pandemia di febbraio, ma gli scienziati non sono stati in grado di dire a quel punto quale di diverse mutazioni si sarebbe rivelata il virus di maggior “successo” in termini di sopravvivenza. Per fortuna, è improbabile che queste mutazioni abbiano un impatto sull’efficacia dei futuri vaccini.

Quindi potremmo entrare in una nuova “nuova normalità” prima del previsto; con i vaccini ancora molto importanti ma la mortalità complessiva della pandemia di coronavirus in declino. “Le varianti sono quasi identiche e non hanno modificato le aree che il nostro sistema immunitario in genere riconosce, quindi non dovrebbe esserci alcuna differenza per i vaccini in fase di sviluppo“, afferma Sebastian Maurer-Stroh dell’Agenzia per la scienza, la tecnologia e la ricerca di Singapore.