Grande Barriera Corallina

Un nuovo studio mostra che i nutrienti possono aggravare gli effetti già negativi del cambiamento climatico sui coralli per innescare lo sbiancamento di massa dei coralli. Gli ambienti delle barriere coralline sono tipicamente poveri di nutrienti naturali come composti di azoto e fosforo. Ma le correnti oceaniche possono trasportare una concentrazione di nutrienti da altre parti. Allo stesso modo, i nutrienti provenienti dai fertilizzanti artificiali e dal deflusso delle acque piovane entrano nelle barriere coralline dalle coste adiacenti.

L’autore principale, il dottor Thomas DeCarlo della King Abdullah University of Science and Technology (KAUST), afferma che i coralli sono sensibili agli alti livelli di nutrienti. “Con il riscaldamento del clima, lo sbiancamento di massa dei coralli potrebbe verificarsi ogni anno entro questo secolo”, ha detto il dott. DeCarlo. “Nel nostro studio, abbiamo scoperto che i coralli già stressati dal calore e esposti a livelli di nutrienti in eccesso erano ancora più suscettibili allo sbiancamento”.

 

La combinazione tra stress da calore e nutrienti potrebbe essere letale per le barriere coralline

Lo studio suggerisce che i gestori degli ecosistemi possono ridurre gli impatti dello sbiancamento dei coralli implementando strategie per ridurre lo stress da nutrienti nelle aree soggette a stress termico. Il coautore, il professor John Pandolfi dell’ARC Center of Excellence for Coral Reef Studies (Coral CoE) presso l’Università del Queensland, afferma che questo e gli studi precedenti, anche sulla Grande Barriera Corallina, hanno correlato lo sbiancamento dei coralli a combinazioni di stress da calore e nutrienti.

“I nostri risultati forniscono una tabella di marcia per gli sforzi di conservazione della barriera corallina per essere più efficaci”, ha detto il prof Pandolfi. “Suggeriamo che i processi oceanografici dovrebbero essere inclusi quando si decide quando e dove allocare risorse o protezione”. Usando i nuclei scheletrici dei coralli più longevi, gli autori hanno studiato gli ultimi decenni di eventi di sbiancamento nel Mar Rosso. Hanno scoperto che storicamente le barriere coralline subivano un grave sbiancamento solo quando le alte temperature della superficie del mare erano accoppiate con alti livelli di nutrienti.

Il Mar Rosso è stato scelto come sito di studio in quanto è uno dei pochi ambienti marini in cui gli effetti dei nutrienti estivi e dello stress termico sono indipendenti gli uni dagli altri: solo un’area ha un’unica fonte principale di nutrienti in estate, quando una massa d’acqua porta i nutrienti in superficie attraverso un processo chiamato “upwelling”.

grande barriera corallina

Prevenire gli effetti della temperatura e dei nutrienti non è facile

I precedenti test sul campo sul ruolo dei nutrienti nello sbiancamento dei coralli erano altrimenti difficili: i nutrienti e la temperatura spesso co-variano nell’oceano, rendendo difficile districare i loro effetti. Anche i carichi di nutrienti sono difficili da misurare allo stesso modo delle temperature della superficie del mare. “Il fatto che i nutrienti siano più difficili da misurare rispetto alla temperatura potrebbe limitare il nostro riconoscimento della loro importanza”, ha detto il dott. DeCarlo. “E abbiamo bisogno di maggiori sforzi di monitoraggio a lungo termine dei livelli di nutrienti sulle barriere coralline”.

“Incorporare le correnti oceaniche che forniscono nutrienti nelle previsioni di sbiancamento dei coralli migliorerà quelle previsioni che si basano sulle sole temperature”, ha detto il prof Pandolfi. “La nostra ricerca suggerisce che le proiezioni del futuro della barriera corallina dovrebbero andare oltre il solo stress basato sulla temperatura per incorporare l’influenza dei sistemi delle correnti oceaniche sull’arricchimento dei nutrienti della barriera corallina, e quindi la suscettibilità allo sbiancamento”, ha detto il dott. DeCarlo.