rana-covid19

Una start up incubata presso il Parco Scientifico e Tecnologico dell’Università di Porto ha identificato due sostanze della rana verde iberica che possono essere utilizzate in un antivirale per curare le infezioni causate dal nuovo coronavirus.

In una pubblicazione sul sito web dell’Università di Porto, l’ufficio di comunicazione UPTEC afferma che l’azienda basata su questa tecnologia in fase di sviluppo, Bioprospectum, ha identificato due peptidi (biomolecole) dalla rana verde iberica, trovata nelle Azzorre, con potenziale attività antivirale e che può “neutralizzare parti strutturali di SARS-CoV-2“.

Le prime molecole “anticovid” individuate dalla start up e spin-off dell’Istituto di Ricerca e Innovazione in Salute (i3S) dell’Università di Porto saranno testate in vitro, in collaborazione con l’Institute for Drug Research, Faculty of Pharmacy, University of Lisbon , durante questo mese.

 

Cos’è il biospectrum

Secondo UPTEC, Bioprospectum ha creato una banca di molecole di biodiversità iberoamericana con l’obiettivo di “aumentare l’efficacia e l’efficienza della ricerca di molecole potenzialmente utili in qualsiasi campione“.

Negli ultimi anni la start up ha sviluppato piattaforme per identificare molecole con potenziali applicazioni antiossidanti, antimicrobiche, antinfiammatorie e antitumorali, come la piattaforma in silicio che permette di selezionare da un campione le sostanze “più adatte ad uno scopo particolare“.

José Leite, co-promotore del progetto, afferma, in una nota dell’università, che “l’identificazione di molecole con attività farmacologica può richiedere anni di lavoro, se eseguita con metodi classici”. “La grande differenza nel combinare la bioprospezione con l’intelligenza artificiale è che i primi risultati possono essere generati in mesi“, afferma.