terra calore

Poiché le temperature aumentano sempre più, si prevede che il mondo diventi più caldo. Tuttavia quanto potrebbero diventare alte queste temperature? Mentre un’ondata di caldo ha colpito gli Stati Uniti, le temperature sono arrivate fino a 54 gradi in California, segnando la temperatura più calda misurata ovunque sulla Terra dal 1931 e il terzo giorno più caldo mai registrato sul nostro pianeta.

Tuttavia la Terra ha visto giorni più caldi nel suo passato e li vivrà di nuovo in futuro. Durante i cosiddetti periodi di serra, il pianeta era molto più caldo di quanto non sia oggi e le peggiori ondate di calore erano di conseguenza da incubo.

 

Terra, il passato rovente

Mentre le emissioni di carbonio umane non hanno ancora spinto la Terra in un nuovo stato di serra, il cambiamento climatico sta rendendo le ondate di calore più frequenti e gravi, il che significa che è improbabile che le temperature estreme della California durino a lungo. Tuttavia gli scienziati dicono che il calore che sfida i limiti della tolleranza umana si verificherà più spesso con il passare del secolo.

La Terra si trova attualmente in quello che i geologi considerano un clima di ghiacciaia: un periodo abbastanza freddo da supportare un ciclo dell’era glaciale, in cui le grandi calotte glaciali continentali crescono e calano vicino i poli. Per avere un’idea di come sarebbe un mondo molto più caldo, dobbiamo tornare indietro di almeno 50 milioni di anni all’inizio dell’Eocene.

Oggi, la temperatura media della Terra si aggira intorno ai 15 gradi. Durante il primo Eocene, era più vicino ai 21 gradi e il mondo era un posto diverso. I poli erano privi di ghiaccio; gli oceani tropicali ribollivano a temperature simili a quelle di una spa di 35 gradi. Periodi più estremi nelle serre si nascondono nei recessi più profondi del tempo geologico.

Durante la serra calda del Cretaceo 92 milioni di anni fa, le temperature della superficie globale sono aumentate a circa 30 gradi e sono rimaste calde per milioni di anni, consentendo alle foreste pluviali temperate di prosperare vicino al Polo Sud. In quell’intervallo infernale, la Terra ha vissuto la peggiore morte di vita nella sua storia. Gli oceani tropicali erano come una vasca idromassaggio.

Non abbiamo dati meteorologici giornalieri dal Permiano, ma è probabile che nel vasto e arido interno del supercontinente Pangea l’ondata di caldo della California di questa settimana sarebbe stata solo un altro giorno. Tutti i recenti periodi di serra della Terra sembrano avere una cosa in comune; sono stati preceduti da un imponente impulso di gas serra nell’atmosfera, sia che si trattasse di eruzioni vulcaniche che vomitavano anidride carbonica o metano che ribolliva da sotto il fondo del mare.

terra calore

Un destino simile a Venere?

Come in passato, le temperature medie globali stanno nuovamente aumentando rapidamente. E anche le giornate estremamente calde sono in aumento, con studi su studi che concludono che le recenti temperature record sarebbero state quasi impossibili senza la nostra influenza.

È difficile prevedere esattamente quanto potrebbe surriscaldarsi la Terra se continuiamo a bloccare il carbonio nell’atmosfera, dicono gli esperti. “L’aumento delle temperature delle ondate di calore future dipende molto da quanto lontano nel futuro e dalla quantità di anidride carbonica che emettiamo“.

Una recente ricerca di Wehner offre una sbirciatina su come potrebbero essere le ondate di calore di domani se non limitassimo affatto le nostre emissioni di carbonio. Entro la fine del secolo, le ondate di calore in California potrebbero raggiungere temperature di circa da 10 a 14 gradi in più rispetto a oggi.

Gli scienziati planetari hanno da tempo predetto che quando il sole invecchia e diventa più luminoso, la superficie terrestre alla fine si riscalderà fino al punto in cui gli oceani inizieranno a bollire come l’acqua su una stufa. Il vapore acqueo, un potente gas serra, si riverserà nell’atmosfera, innescando un effetto serra incontrollato, potrebbe trasformare il nostro mondo in qualcosa di non diverso dal nostro vicino, Venere.

Anche se il nostro pianeta riesce a sfuggire al destino di Venere, non c’è modo di evitare di essere bruciato dal fuoco in circa cinque miliardi di anni. A quel punto, il sole si espanderà in una stella gigante rossa, inglobando la Terra in un bagliore ardente.