orche sopravvivenza

L’orca è uno dei pochi mammiferi noti per attraversare la menopausa. Il motivo è rimasto oscuro, ma ora una nuova ricerca suggerisce che le nonne orche aumentano la sopravvivenza dei propri nipoti. Gli scienziati che hanno analizzato decenni di popolazioni di orche nel Pacifico nord-occidentale hanno scoperto che gli esemplari più giovani accompagnati da orche più anziane avevano maggiori probabilità di sopravvivere rispetto a quelle senza.

Inoltre, il rischio di morte di un piccolo aumenta notevolmente in seguito alla morte di nonna orca. Poiché le società delle orche sono matriarcali, è probabile che queste femmine più anziane portino con sé conoscenze cruciali sulle risorse alimentari che possono significare la vita o la morte per i loro parenti.

Dalle regioni polari all’Equatore, le orche vivono in gruppi familiari affiatati di circa 40 individui. I predatori lavorano insieme per cacciare una varietà di prede, dai pesci alle balene, a seconda di dove vivono. Generalmente, sia le orche maschi che le femmine rimangono nel loro branco natale per tutta la vita, sebbene entrambi i sessi cerchino compagni da altri gruppi per prevenire la consanguineità. Le femmine di orca smettono di riprodursi intorno ai 40 anni e possono vivere fino a 90, mentre i maschi tendono a vivere intorno ai 50 anni.

Le orche sono una popolazione in declino, comprese quelle nel Pacifico nord-occidentale, che sono le orche più studiate al mondo. Ecco perché questo studio, pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences, è una potente prova per gli ambientalisti per proteggere le orche da tali minacce.

 

Il mistero della menopausa delle orche

Gli scienziati sono stati a lungo incuriositi dalla menopausa nelle orche femmina. L’aspettativa di vita di un esemplare femmina di orca alla nascita è generalmente più lunga di quella di un uomo, ma le donne vivono per decenni dopo aver smesso di avere figli, mentre gli uomini possono diventare padri fino alla morte.

La selezione naturale dà priorità alla capacità di una femmina di avere un maggior numero di prole sopravvissuta. I biologi evoluzionisti hanno sviluppato diverse ipotesi che possono spiegare questo dilemma. Per prima cosa, la menopausa può aiutare a impedire alle nonne e alle madri di competere per le scarse risorse per nutrire i propri piccoli. Anche partorire in età avanzata può essere rischioso, mettendo in pericolo non solo la madre e il bambino, ma anche i figli esistenti della madre.

Poi c’è l’ipotesi della nonna, che sostiene che le nonne aumentano la sopravvivenza dei loro nipoti integrando cibo e assistenza all’infanzia. L’idea è supportata da una varietà di studi che ha dimostrato che i cuccioli con nonne avevano molte più probabilità di arrivare all’età adulta.

orche sopravvivenza

L’importanza di nonna orca

Gli scienziati hanno analizzato oltre 40 anni di set di dati che dettagliano nascite, morti e vari eventi nella vita di due popolazioni di orche che vivono al largo delle coste dello Stato di Washington e della British Columbia.

In tutto, il team ha analizzato il tasso di sopravvivenza di 378 “nipoti” e ha scoperto che il rischio di morte per un piccolo era maggiore quando la nonna aveva smesso di riprodursi. I ricercatori riferiscono che le orche in post-menopausa sono probabilmente in grado di dedicare più risorse ai loro nipoti, il che ha reso le morti delle nonne particolarmente devastanti.

Il rischio era anche più alto quando le popolazioni di salmone erano basse o moderate, suggerendo che le nonne sono più utili nei periodi di scarsità. Sappiamo che le nonne orche condividono il proprio cibo con i giovani, gli scienziati sospettano che ci sia di più da scoprire su come le nonne mantengono le loro famiglie. E poiché le popolazioni di orche del Pacifico nord-occidentale diminuiscono, potremmo non scoprirlo mai.