toporagno elefante

La comunità scientifica sapeva che un tempo i toporagni elefante sengi somali vagavano per alcune parti dell’Africa. Ci sono esempi – alcuni raccolti centinaia di anni fa – nelle collezioni dei musei. È solo che nessuno scienziato ne aveva registrato uno in natura dalla fine degli anni ’60. Tuttavia ci sono buone notizie: il sengi somalo è vivo e vegeto a Gibuti e ci sono molte prove al riguardo.

Il gruppo di conservazione Global Wildlife Conservation (GWC) ha annunciato la riscoperta del sengi somalo. Il toporagno elefante era nell’elenco delle 25 specie perdute più ricercate dell’organizzazione. La GWC ha rilasciato la prima documentazione scientifica di un sengi somalo vivo sotto forma di una foto che mostra l’animale simile a un topo in piedi su alcune rocce. Il mangiatore di insetti ha un naso simile a un tronco ed è più strettamente imparentato con gli elefanti rispetto ai toporagni reali.

toporagno elefante

Il sengi somalo è sempre stato lì fuori

Il team di ricerca ha catturato un sfuggente sengi somalo in una trappola ad innesco con burro di arachidi, farina d’avena e lievito. “E ‘stato fantastico”, ha detto il ricercatore Steven Heritage del Duke University Lemur Center. “Quando abbiamo aperto la prima trappola e abbiamo visto il piccolo ciuffo di pelo sulla punta della coda, ci siamo guardati l’un l’altro e non potevamo crederci”.

Houssein Rayaleh, ecologista della ricerca sulla natura dell’Associazione Gibuti, sapeva che il sengi somalo era ancora là fuori. “Per noi che viviamo a Gibuti, e per estensione nel Corno d’Africa, non abbiamo mai considerato i sengi perduti”, ha dichiarato in una sessione di domande e risposte con GWC. “Ma questa nuova ricerca riporta i sengi somali nella comunità scientifica, cosa che apprezziamo”.

Rayaleh è coautore di un articolo sui sengi pubblicato sulla rivista PeerJ. Heritage è l’autore principale. I sengi somali sembravano essere al sicuro nel loro habitat, una catena che va dalla Somalia a Gibuti. Il team di ricerca ha annunciato lo status di “minima preoccupazione” per i piccoli mammiferi nella Lista Rossa IUCN delle specie minacciate.

“Per Gibuti”, ha detto Rayaleh, “è una scoperta importante che mette in luce la grande biodiversità del paese e della regione e mostra che qui ci sono opportunità per nuove scienze e ricerche”.