Siamo sicuramente nel mezzo dell’era digitale. In essa, le nostre vite sono divise tra le nostre attività nel mondo reale e quelle appartenenti al mondo virtuale. Trovare l’equilibrio perfetto per essere in grado di rimanere in salute e allo stesso tempo connessi a ciò che sta accadendo nel mondo non è mai facile. Quindi, quando a questo si aggiunge il desiderio di mantenere sane relazioni interpersonali, l’asticella sale di qualche tacca.

Questo chiaramente non è un compito impossibile, ma richiede molta consapevolezza di quando e perché utilizziamo la tecnologia. Sfortunatamente, in generale questi processi sembrano così naturali che raramente prestiamo loro reale attenzione.

Ora, una recente ricerca pubblicata su Media Psychology ha scoperto che le relazioni possono essere influenzate quando uno o entrambi i membri della coppia utilizzano eccessivamente apparecchiature elettroniche. Tutto questo perché, a poco a poco, questa  prassi può sottrarre quantità e qualità da quello che dovrebbe essere il tempo in coppia.

 

Piccoli gesti, grandi differenze

La ricerca ha scoperto che il tempo del partner perde qualità con l’aumentare del tempo trascorso separatamente utilizzando apparecchiature elettroniche. Per fare riferimento a questo, il coautore Adam Galovan, professore di scienze di famiglia presso il College of Agricultural, Biological, and Environmental Sciences presso l’Università di Alberta, commenta: “I risultati suggeriscono che il deterioramento della relazione, o la crescita, può derivare da scelte apparentemente piccole e insignificanti su quando, o meno, prendere un dispositivo con il partner“.

Sebbene sia l’uso eccessivo di tecnologie che possono danneggiare il tempo insieme, ciò non significa che solo quando l’uso è sostenuto o continuo ci siano degli inconvenienti. In effetti, piccoli momenti di astrazione, cumulativamente, possono anche essere dannosi. Quest’ultimo soprattutto se utilizzato diventa un’abitudine che può allontanare gradualmente la coppia.

 

Un effetto cumulativo

Spesso pensiamo che vada bene controllare lo smartphone se è solo per pochi minuti, ma se questa è un’abitudine costante nella relazione, potrebbe diventare negativa nel tempo“, ha continuato Galovan.

La ricerca ha tenuto conto delle risposte fornite separatamente da 145 coppie a un sondaggio somministrato quotidianamente per 10 giorni. Grazie a questi è stato possibile verificare che anche piccole distrazioni con la tecnologia, se astraggono un membro della coppia, diminuiscono la soddisfazione per la relazione manifestata dal proprio partner sentimentale. Tutto perché i momenti di distrazione si accumulavano in giorni e persino settimane.

Allo stesso modo, si è riscontrato che, in generale, coloro che si sentivano come utenti regolari della tecnologia – o pensavano che i loro partner lo fossero – si sentivano più insoddisfatti della loro relazione. Inoltre, tendevano a valutare la qualità della multiproprietà con un partner in modo più negativo. In questo sondaggio, almeno il 67% dei partecipanti ha ammesso di utilizzare apparecchiature elettroniche come telefoni, tablet, televisori, ecc. durante il tempo trascorso in coppia.

 

Anche condividere l’uso della tecnologia sarebbe la soluzione?

Sì e no. Da un lato, il leader dello studio, Brandon T. McDaniel, del Parkview Mirro Research and Innovation Center, afferma che la condivisione di attività come guardare la televisione insieme può funzionare per la coppia. Però: “Affinché abbia un effetto positivo, le coppie potrebbero dover essere più proattive nel decidere quando impegnarsi nella condivisione della tecnologia e il modo migliore per costruire la loro relazione attraverso tale condivisione“, aggiunge.

In altre parole, non si tratterebbe solo di condividere il tempo in silenzio consumando i contenuti degli schermi. Ma, in primo luogo, è importante che sia chiaro cosa ciascuno si aspetta dallo scambio e che siano date le condizioni per una vera convivenza con il dialogo e l’interazione.

 

Alcuni consigli per prendersi cura della propria relazione

Chiedendo sia a McDaniel che a Galovan cosa si potrebbe fare per garantire la qualità, ciascuno ha evidenziato punti vitali. Innanzitutto, Galovan parla di essere “intenzionale” quando si usa la tecnologia durante il tempo trascorso in coppia. Con questo significa che le persone devono diventare consapevoli di ciò per cui usano la tecnologia e se è davvero necessaria in quel momento.

Un punto chiave di McDaniel è solo prestare attenzione. Dettagli semplici come: “Il contatto visivo con qualcuno dice molto su ciò che apprezzi in quel momento“. Per questo motivo, è fondamentale tenere d’occhio il partner, dove si trova e condividere con lui sia gli sguardi che i sorrisi.

Infine, Galovan indica anche che è importante riconoscere quando l’uso della tecnologia è già diventato un vero problema. In questi casi, è importante che la coppia possa parlare con calma per comunicare il proprio disagio. Allo stesso modo, in casi estremi o complicati, l’aiuto di un terapeuta potrebbe consentire al conflitto di raggiungere una soluzione più rapidamente.