Africa ossigeno

Con la diffusione del Covid-19 in tutta l’Africa, una carenza di ossigeno potenzialmente mortale impedisce ai medici di offrire cure essenziali. Alcuni esperti attribuiscono la colpa a due fornitori multinazionali di gas che dominano il mercato delle bombole di ossigeno nel continente; i loro prezzi e sistemi elevati rendono il trattamento insostenibile.

Ex dipendenti, addetti ai lavori del settore e personale ospedaliero sottolineano i processi e i prezzi che Linde Group e Air Liquide hanno per l’ossigeno medico e affermano che stanno lasciando gli ospedali in difficoltà per le forniture.

 

Africa, gli ospedali hanno carenza d’ossigeno

Negli ospedali europei e statunitensi, l’ossigeno liquido viene erogato da navi cisterna, immagazzinato in serbatoi, convertito in gas e convogliato direttamente ai letti. Ma per le nazioni senza questa infrastruttura, i cilindri devono essere acquistati. L‘ossigeno nell’Africa sub-sahariana dell’Africa è di circa cinque volte più costoso in volume, secondo un’indagine da parte del Bureau of Investigative Journalism.

Un’infermiera di Ouagadougou, in Burkina Faso, sottolinea che nel suo ospedale i medici devono spesso scegliere a chi dare ossigeno e a chi no. Il Gruppo Linde non ha commentato nessuna delle accuse, ma ha affermato che “farebbe tutto il possibile per continuare a fornire in modo affidabile i nostri clienti“.

Air Liquide, al contrario, afferma: “Abbiamo fatto tutto il possibile per garantire l’approvvigionamento durante la pandemia”. Ha aggiunto: “Ci impegniamo a garantire che il maggior numero possibile di pazienti nell’Africa subsahariana ricevano cure e lavorino con l’Unicef ​​e una serie di altre istituzioni internazionali, governi e ONG per aumentare l’accesso all’ossigeno nella regione”.

Il 12 maggio, ad un paziente, è stata diagnosticata una polmonite e inviato per un test per il coronavirus all’ospedale generale di Gbagada a Lagos, in Nigeria. Aveva vomitato ed espulso sangue, ma gli furono somministrati farmaci e rimandato a casa. Nei due giorni successivi divenne troppo debole per parlare.

La famiglia lo portò in nove diversi ospedali, solo per sentirsi dire che non avevano ossigeno, o che non ammettevano persone di età superiore ai 50 anni, o non potevano curare persone senza un risultato positivo del test. È morto a casa.

L’ossigeno è il trattamento chiave per il quale i pazienti con il virus vengono portati in ospedale. Quando i polmoni sono danneggiati, i livelli di ossigeno nel sangue possono diminuire in modo allarmante da risultare fatale.

Africa ossigeno

I pazienti di Covid-19 ne hanno bisogno

Mentre la maggior parte dei malati presenta sintomi lievi, il 14% dei pazienti Covid ha bisogno di ossigeno in ospedale e il 5% di ventilazione meccanica in terapia intensiva. In paesi come il Sud Africa, molti ospedali e centri di isolamento Covid-19 dedicati presentano carenze di ossigeno.

Poiché alcuni grandi ospedali necessitano fino a 80 bombole al giorno, i costi aumentano rapidamente. Air Liquide e il Gruppo Linde, società europee le cui filiali africane includono Afrox e British Oxygen Company (BOC), forniscono anche “ossigeno industriale” alle industrie minerarie, chimiche, della saldatura e alimentari.

A livello globale queste aziende hanno realizzato ricavi rispettivamente di 28 miliardi di dollari e 24,5 miliardi di dollari nel 2019. Ex dipendenti e analisti suggeriscono che alcune società del gas hanno probabilmente realizzato margini di profitto tra il 45% e l’88% sull’ossigeno medico.

A differenza delle bombole industriali, le bombole medicali vengono svuotate e pulite ogni volta. Alcuni ex dipendenti affermano che questi passaggi aggiuntivi spiegano perché l’ossigeno medico costa di più. Poiché l’ossigeno è regolamentato come farmaco farmaceutico, le aziende che lo producono devono registrarsi presso l’autorità medica locale, in modo che possa essere richiamato se necessario.

La carenza cronica di ossigeno in tutta l’Africa colpisce più dei casi Covid. Nel 2018, quasi mezzo milione di bambini sono morti di polmonite batterica nell’Africa subsahariana. Un migliore accesso all’ossigeno e agli antibiotici potrebbe ridurre tale numero. Studi dal Malawi e dalla Nigeria mostrano che meno di un terzo degli adulti e dei bambini che avevano bisogno di ossigeno lo hanno effettivamente ottenuto. Una soluzione a lungo termine è che gli ospedali costruiscano i propri impianti di ossigeno. È costoso, ma può migliorare l’approvvigionamento di ossigeno in una vasta area.