Tanzania leopardi

Uno studio del Parco Nazionale del Serengeti in Tanzania ha riscontrato che le densità di popolazione di leopardi nel parco sono simili a quelle di altre aree protette ma variano tra la stagione umida e quella secca.

L’aumento sembra essere guidato dall’abbondanza di prede e da come ciò influisca sulle interazioni con altri grandi carnivori come i leoni, riferiscono i ricercatori. Nonostante la lunga storia della ricerca sulla fauna selvatica nel Serengeti, questo è il primo studio sulla densità dei leopardi nel parco.

 

Tanziania, la densità dei leopardi varia a seconda della stagione

Il team ha analizzato i dati di Snapshot Serengeti, un grande sforzo collaborativo che utilizza centinaia di fototrappole per raccogliere dati su grandi felini e altri animali selvatici nel Serengeti. Il team ha pubblicato le nuove scoperte sulla rivista Biodiversity and Conservation.

Nella stagione delle piogge, quando potenziali prede come la gazzella e l’impala di Thomson sono disponibili in abbondanza, i leopardi appaiono a densità più elevate“, ha detto il team. “Nella stagione secca, i leopardi sembrano lavorare di più per evitare altri grandi carnivori che competono con loro per cibo meno abbondante“.

Il team ha utilizzato tecniche analitiche avanzate chiamate statistiche bayesiane per stimare le densità di leopardo per ogni sito di trappola fotografica e per l’area di studio in generale. “Abbiamo trovato 5,72 e 5,41 leopardi per 100 chilometri quadrati rispettivamente nelle stagioni umida e secca “, ha detto Allen.

 leopardi

Conservazione delle specie selvatiche

Ciò riflette l’importanza di grandi aree di conservazione per i grandi carnivori, poiché le popolazioni di leopardo sono generalmente in declino. I risultati evidenziano anche l’importanza dei progetti di cittadini-scienziati per la conservazione delle specie selvatiche, ha detto Allen. Snapshot Africa è uno dei progetti più efficaci al mondo.

I grandi carnivori in cima alla catena alimentare svolgono un ruolo importante nella regolazione dell’ecosistema e nel controllo delle malattie e della popolazione “, ha detto Allen. I cambiamenti indotti dall’uomo alla disponibilità e alla qualità degli habitat stanno accelerando il declino dei grandi carnivori, che sono già vulnerabili alla nascita.

Capire quali fattori contribuiscono al loro successo è essenziale per preservare loro e gli altri animali selvatici nel loro ecosistema, ha detto il team. L’acquisizione di dati sulle loro abitudini può portare a una migliore gestione delle aree selvagge da cui dipendono.