gesù donna paradiso

Gli scienziati devono ancora determinare in modo definitivo se la vita dopo la morte sia reale, ma una donna di nome Kathy è certa di conoscere già la risposta. Kathy afferma di essere morta brevemente più di 40 anni fa dopo essere stata affetta da una misteriosa malattia. L’incidente ha portato a un possibile arresto cardiaco durante il quale ha avuto una cosiddetta “esperienza di pre-morte” (NDE).

“Stavo provando molto dolore addominale, forse a causa del colera o dell’intossicazione alimentare o qualcosa del genere, nessuno lo sa davvero,” ha dichiarato la donna. “Avevo sintomi di una grave malattia con vomito e diarrea, crampi allo stomaco e alle estremità. Ricordo di essere entrata nell’ambulanza da una barella, ma poi non ricordo molto dopo,” ha continuato Kathy.

La cosa successiva che ricorda è di aver visto una luce intensa. Dall’interno della luce, ha visto emergere una figura, che ha identificato come Gesù. “Ricordo solo di aver visto la parte inferiore della sua veste, caviglie e piedi, ma sapevo che anche l’intero essere era in qualche modo presente. Ricordo di aver litigato con questa figura, con molta forza, dicendogli che non potevo ancora unirmi a lui perché avevo un figlio da crescere. Avevo bisogno di essere lì per mio figlio,” ha affermato la donna.

“Poi mi sono svegliata. All’inizio ero incredula che quello che mi era successo fosse reale. Più a lungo riflettevo su questa esperienza, più ero convinta che fosse reale e che fosse un dono, una responsabilità di qualche tipo”. La donna in seguito all’esperienza ha quindi accettato ciò che è successo.

gesù donna paradiso

Esperienza soprannaturale o fenomeno scientifico?

La maggior parte degli esperti medici sostiene che l’esperienza di Kathy è perfettamente naturale e non soprannaturale. Le persone che hanno sperimentato NDE spesso ricordano di aver visto luci intense o di aver sentito voci angeliche come nell’aldilà. I pazienti spesso ricordano di aver volato attraverso un tunnel buio prima di emergere nella luce.

Il dottor Sam Parnia, direttore della ricerca in terapia intensiva e rianimazione presso la NYU Langone School of Medicine di New York City, ha dichiarato: “Spesso dicono che in molti casi non volevano tornare, è così comodo ed è come un magnete che li attira. Molte persone descrivono la sensazione di separarsi da se stesse e guardare medici e infermieri che lavorano su di loro”.

Gli scienziati hanno proposto una serie di teorie per spiegare queste visioni e ricordi. Secondo una teoria, le NDE sono causate dall’ipossia cerebrale, una mancanza di ossigeno che fluisce al cervello. Una teoria più evidente suggerisce che il corpo morente rilascia naturalmente la dimetiltriptamina (DMT) chimica psicoattiva.