anticorpi covid

Un nuovo studio pubblicato suggerisce che le persone che hanno contratto il Covid-19 sviluppano anticorpi in grado di proteggere da una possibile reinfezione dal virus per almeno quattro mesi.

Lo studio è stato tratto da un enorme set di dati dall’Islanda, alla ricerca della presenza di anticorpi in oltre 30.000 campioni di sangue. I campioni provenivano da tre gruppi di persone: quelli con casi di COVID-19 confermati, quelli che erano stati esposti al virus ma non erano necessariamente infetti e quelli che non avevano un’esposizione nota.

 

Covid-19, gli anticorpi resistono nel corpo almeno 4 mesi

I ricercatori si sono concentrati su un piccolo sottogruppo di 487 persone che avevano avuto più di un test anticorpale, il che ha permesso ai ricercatori di vedere se i livelli di anticorpi sono rimasti stabili o diminuiti nel tempo. In questo gruppo, i livelli di anticorpi sono aumentati nei primi due mesi dopo la diagnosi e sono rimasti stabili per i due mesi successivi.

Non ci sono prove di una leggera diminuzione“, ha detto un coautore dello studio, il dottor Kári Stefánsson, fondatore della società islandese di biotecnologie deCODE genetics. Lo studio ha rilevato anticorpi in un numero significativo di persone che erano state asintomatiche e non erano mai state testate per COVID-19.

Tuttavia non tutti i pazienti analizzati hanno sviluppato gli anticorpi dopo aver superato l’infezione. Probabilmente questi pazienti hanno ricevuto test falsi positivi e forse non erano mai state infette. I ricercatori hanno notato molte altre tendenze interessanti. I livelli di anticorpi erano più alti nei pazienti più anziani e in quelli con malattia più grave. Le donne avevano anche livelli di anticorpi più bassi rispetto agli uomini e i fumatori avevano livelli di anticorpi inferiori rispetto ai non fumatori.

anticorpi covid

Ci proteggono veramente da una reinfezione?

Mentre i dati suggeriscono che i livelli di anticorpi rimangono stabili per almeno quattro mesi, le domande rimangono. “Quello che non sappiamo è come fanno questi anticorpi a riflettere l’immunità contro questo virus“, ha detto Kindrachuk, assistente professore di microbiologia.

In altre parole, non è chiaro se gli anticorpi proteggeranno le persone dalla reinfezione. I casi confermati di persone reinfettate dal coronavirus sono estremamente rari. La scorsa settimana quattro persone sono risultate di nuovo reinfettate, l’unico caso del genere su oltre 25 milioni di casi in tutto il mondo.

Ad agosto, i CDC hanno modificato le proprie linee guida sulla quarantena, affermando che le persone con COVID-19 confermato non avevano bisogno di essere testate di nuovo. I dati del nuovo studio mostrano che i livelli di anticorpi sono rimasti stabili per almeno tre mesi nei pazienti che si erano ripresi dal virus.