covid vaccino johnson

Il potenziale vaccino contro il Covid-19 in sviluppo dalla Johnson & Johnson ha prevenuto una grave malattia in un piccolo gruppo di criceti d’oro siriani, ha annunciato la società. I ricercatori di J&J hanno vaccinato i criceti con una singola dose e poi hanno esposto i roditori al virus quattro settimane dopo.

J&J ha detto che il vaccino ha generato anticorpi neutralizzanti, che i ricercatori ritengono necessari per costruire l’immunità al virus. Anche i criceti vaccinati sembravano perdere meno peso rispetto ai criceti non vaccinati e non hanno avuto gravi malattie cliniche, come polmonite o mortalità. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista medica Nature Medicine.

“Questo studio pre-clinico convalida ulteriormente la nostra fiducia nel nostro candidato vaccino SARS-CoV-2”, ha dichiarato Paul Stoffels, Chief Scientific Officer di J&J. “Con le nostre sperimentazioni di Fase 3 pianificate per l’inizio di questo mese, continuiamo a impegnarci ad espandere le nostre capacità di produzione e distribuzione per consentire l’accesso globale al nostro candidato vaccino SARS-CoV-2 qualora si dimostrasse sicuro ed efficace per gli esseri umani”.

I risultati promettenti sui criceti non significano necessariamente che il vaccino fornirà lo stesso livello di protezione negli esseri umani. Ma i ricercatori di J&J hanno notato che i risultati sono importanti poiché il Covid-19 è noto per progredire in una malattia grave in alcuni esseri umani.

covid vaccino johnson

La Johnson & Johnson sperimenterà il suo vaccino sugli esseri umani questo mese

J&J è una delle numerose aziende che lavorano per sviluppare un vaccino per il coronavirus, che continua a diffondersi rapidamente in tutto il mondo. L’azienda prevede di iniziare una sperimentazione su 60.000 persone per testare il suo vaccino entro questo mese. Sarebbe la più grande sperimentazione di un vaccino contro il coronavirus fatta finora.

Il 5 agosto il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti ha annunciato di aver raggiunto un accordo con Janssen, la filiale farmaceutica di J&J, del valore di circa 1 miliardo di dollari per 100 milioni di dosi del suo vaccino. L’accordo dà al governo federale la possibilità di ordinare altri 200 milioni di dosi.

J&J ha affermato che sta utilizzando le stesse tecnologie per il suo vaccino contro il Covid-19 che ha usato per produrre il suo vaccino sperimentale contro l’Ebola, che è stato fornito alle persone nella Repubblica Democratica del Congo. Si tratta di trattare il materiale genetico del coronavirus con un adenovirus modificato noto per causare raffreddori comuni negli esseri umani.

I partecipanti alla sperimentazione di Fase 3 saranno selezionati in modo casuale per ricevere una dose del potenziale vaccino o un placebo, in base ai dettagli dello studio, che determinerà se il vaccino è sicuro ed efficace. I partecipanti saranno seguiti dai ricercatori per più di due anni. I risultati di giovedì seguono i dati pubblicati a luglio che hanno scoperto che il vaccino J&J proteggeva i primati non umani in uno studio preclinico.